Coronavirus, Marino: “Non si può imporre uno stato di polizia”

“Non si può imporre uno Stato di polizia. Il virus potrebbe mutare, aumentando i contagi ma diminuendo la virulenza. Circo mediatico in Italia? In qualunque circostanza, chi si trova nel panico si difende peggio di chi ascolta e ragiona”. A dirlo è il professor Ignazio Marino, intervenendo ai microfoni di Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus sull’emergenza Coronavirus.

“Certamente non si può, rispetto ad una situazione sanitaria così importante e ancora imprevedibile, imporre uno stato di polizia. È necessario che le persone si rendano conto che, così come è stata presa la decisione di chiudere gli ambienti scolastici per l’impossibilità di mantenere una distanza di almeno un metro tra le persone, così dovrebbe essere anche evitata la presenza massiccia di persone in luoghi come i centri commerciali o i parchi. L’Italia è fortunata nell’avere il professor Walter Ricciardi. Sia lui che altri esperti hanno ripetutamente indicato quali siano le misure necessarie per prevenire l’aumento dei contagi”.  ADNKRONOS

Condividi