Bruxelles: primo caso coronavirus nelle istituzioni UE

Primo caso di coronavirus riportato a Bruxelles all’interno delle istituzioni dell’UE. L’UE ha predicato la politica delle frontiere aperte. Ora stanno per scoprire che nessuno è immune dalle sue conseguenze. Benvenuti nel lato oscuro della globalizzazione.

L’Agenzia europea per la difesa (EDA) ha confermato che uno dei suoi membri del personale è risultato positivo al nuovo coronavirus (COVID-19) e ha quindi annullato tutte le riunioni che si terranno presso la sua sede fino al 13 marzo come misura precauzionaria.

Il funzionario ha iniziato a sentirsi male sabato (29 febbraio) e si è rivelato positivo per COVID-19, secondo la fonte.

Dopo la pubblicazione, l’EDA ha dichiarato a EURACTIV che “il nostro collega non ha partecipato a una riunione con 30 funzionari di altre istituzioni dell’UE la scorsa settimana prima della sua diagnosi. I pochi funzionari di altre istituzioni che aveva incontrato sono stati informati tempestivamente ”.

Condividi