Prato, presunti abusi su minori: coinvolti 9 religiosi

Condividi

 

La Procura di Prato ha aperto un’inchiesta su presunti abusi sessuali su minori che coinvolge 9 appartenenti (5 sacerdoti, un frate e 3 religiosi) dell’ex comunità “Discepoli dell’Annunciazione”, soppressa dal Vaticano a dicembre in seguito a una visita canonica. Presunte vittime degli abusi sono 2 fratelli, che all’epoca dei fatti erano minorenni, affidati dai genitori alla comunità. Proprio dalle loro dichiarazioni sarebbe nata l’inchiesta.

Secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, spiega il quotidiano La Nazione, gli abusi si sarebbero consumati per anni fra le mura delle sedi di Prato e di Calomini (Lucca) dell’ex comunità religiosa “I Discepoli dell’Annunciazione”, soppressa ufficialmente un mese e mezzo fa, con decreto emesso dalla Congregazione per gli Istituti di vita consacrata della Santa Sede, per una serie di problemi fra i quali “forti perplessità sullo stile di governo del fondatore e sulla sua idoneità nel ricoprire tale ruolo”.



L’inchiesta sarebbe partita proprio dalle dichiarazioni rese dai due fratelli a distanza di alcuni anni dalle violenze, ma anche da altre persone ascoltate dagli uomini della squadra mobile della questura di Prato. Per una delle vittime i fatti risalirebbero al periodo che va dal 2008 all’estate del 2016 e gli abusi si sarebbero consumati sia nella sede di Prato che in quella di Calomini.

Il ragazzino, insieme al fratello, era stato affidato dai genitori alla comunità religiosa. Otto dei nove indagati, secondo le accuse, si sarebbero approfittati di lui, abusando delle sue condizioni di inferiorità fisica e psichica, e l’avrebbero costretto a compiere e a subire atti sessuali, anche con più persone. L’altro fratello, invece, sarebbe stato oggetto di violenze sessuali da parte di due degli indagati. Anch’egli minorenne all’epoca dei fatti, sempre secondo gli inquirenti, sarebbe stato costretto a compiere e a subire atti sessuali all’interno della sede in un lasso di tempo che va dal 2009 al 2012.

Nei giorni scorsi sono state eseguite perquisizioni personali a carico dei nove religiosi e una serie di accertamenti approfonditi nelle tre sedi dell’ex associazione religiosa: a Prato, ad Aulla (Massa Carrara) e a Calomini. Due vittime accertate finora, ma potrebbero essercene altre, almeno stando a quanto avrebbero fatto emergere le testimonianze dei due fratelli, che sembrano inoltre suggerire, in occasione degli episodi di violenza, la presenza di altri adulti, le cui identità sono ancora in corso di accertamento.

Fatti denunciati anche dal vescovo A dicembre il vescovo di Prato, Giovanni Nerbini, si era recato in procura a Prato per denunciare alcuni fatti di cui era venuto a conoscenza riguardo la comunità. Si apprende dalla Diocesi pratese che nei mesi precedenti – sin dall’insediamento del vescovo Nerbini, che era avvenuto a settembre 2019 – era partita anche un’inchiesta penale canonica nei confronti di alcuni membri della ex comunità religiosa, soppressa dal Vaticano a dicembre. tgcom24.mediaset.it



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -