Lampedusa: i militari GdF rischiavano la vita e gli immigrofili applaudivano

Condividi

 

Collisione tra SeaWatch3 e vedetta. Gli uomini della Guardia di Finanza: “siamo stati fortunati, hanno rischiato di distruggere la vedetta”

”Solidarieta’ alle donne e agli uomini delle Forze dell’Ordine e della Guardia di Finanza in particolare, visto che poche ore fa hanno rischiato la vita per la scelta criminale della SeaWatch. Da giorni stanno difendendo la legalita’ e i confini italiani, costretti agli straordinari da una nave pirata e da alcuni parlamentari di sinistra (tra cui un ex ministro) che anziche’ stare con le Forze dell’Ordine e con l’Italia hanno scelto di schierarsi con una ong tedesca che ha schiacciato una motovedetta delle Fiamme Gialle. I nostri finanzieri erano in grave difficolta’ ma i parlamentari di sinistra applaudivano la capitana della Sea Watch”.

Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Momenti di tensione si sono vissuti sul molo commerciale di Lampedusa quando una motovedetta della Guardia di Finanza ha tentato senza esito di impedire l’ingresso della Sea Watch nel porto. Carola Rackete ha proseguito però la sua manovra accostando la nave alla banchina rischiando di schiacciare l’imbarcazione dei militari. Una volta attraccata, Rackete si è affacciata dal ponte della nave salutata con un lungo applauso da un centinaio di persone giunte sul molo. Tra loro complici attivisti di Sea Watch, l’europarlamentare del Pd, Pietro Bartolo, sul posto per farsi propaganda politica, don Carmelo parroco di Lampedusa dell’ultrasinistra, e le persone che avevano solidarizzato in questi giorni con i migranti dormendo sul sagrato della chiesa, tutti di centri sociali e organizzazioni antagoniste comuniste.

I magistrati hanno contestato alla comandante tedesca anche il tentato naufragio a seguito della manovra di attracco. Una volta a terra, Rackete è stata portata nella caserma della Guardia di finanza. Già oggi potrebbe essere trasferita in un carcere in Sicilia. La pena per il reato commesso va da un minimo di 3 anni a un massimo di 10 anni.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -