Marocchino litiga con uomo con crocifisso al collo e tenta di sgozzarlo, “cattolico di mer..”

Condividi

 

Ha visto un uomo con un crocifisso al collo e ha tentato di sgozzarlo mentre gli gridava contro ‘italiano cattolico di merda’. E’ accaduto, sabato scorso, alla vigilia di Pasqua, davanti alla stazione Termini di Roma. A quanto apprende l’Adnkronos la vittima, un georgiano di 44 anni, scambiato probabilmente per un italiano, ha riportato una ferita alla gola, fortunatamente lieve. Soccorso, è stato trasportato in ospedale dove ha avuto 21 giorni di prognosi.

L’aggressore è stato fermato da un poliziotto. L’episodio è avvenuto il 20 aprile scorso. La vittima sarebbe un cittadino dell’est. Il marocchino aveva notato la vittima su un bus e ha tentato di sgozzarlo a seguito di una lite.



E’ stato lo stesso ferito, subito dopo l’aggressione, ad avvicinarsi insanguinato ai poliziotti presenti in piazza dei Cinquecento e a indicare l’autore del gesto, un marocchino di 37 anni, che nel frattempo era fuggito. Inseguito dagli agenti della polizia del commissariato Viminale, è stato bloccato poco dopo: l’uomo è finito in manette per tentato omicidio con l’aggravante dell’odio religioso.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l’uomo ferito e il suo aggressore erano a bordo di un autobus della linea 64. Appena sceso, il georgiano si è diretto verso la stazione della metropolitana, quando è stato raggiunto e accoltellato all’improvviso dal marocchino, che lo ha colpito con un fendente alla gola.

Per colpire il 44enne, il marocchino ha usato un coltello da cucina. La dinamica precisa dei fatti però è ancora da accertare.

IL TESTIMONE – ”Ha gridato ‘italiano cattolico di merda’ e poi lo ha colpito alla gola. Avrebbe potuto ucciderlo”, racconta all’Adnkronos un testimone aggiungendo: “Tutto si è svolto in pochi istanti. Il georgiano è sceso dal bus e si stava dirigendo verso la stazione della metro in piazza dei Cinquecento dal lato di via Giolitti quando il marocchino lo ha raggiunto e lo ha aggredito. Poi è scappato in direzione di via Cavour”.

SALVINI – “Scrivo a tutti i prefetti e questori per aumentare controlli e attenzione in luoghi di aggregazione di cittadini islamici, per prevenire ogni tipo di violenza contro cittadini innocenti”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo l’aggressione.  ADNKRONOS

Aspettiamo da un momento all’altro la smentita del ministero della verità
“per non fomentare il razzismo e l’islamofobia.”



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -