Londra, studenti: eliminare Platone e Kant dal programma perché sono bianchi

Si dice che siano i padri fondatori della filosofia occidentale, le cui idee sono alla base della società civilizzata, ma gli studenti di una prestigiosa università di Londra chiedono che figure come Platone, Cartesio e Immanuel Kant siano in gran parte eliminate dal programma di studio perché sono bianchi.

Come riporta il  telegraph.co.uk, l’unione studentesca presso la Scuola di Studi Orientali e Africani (SOAS) insiste sul fatto che nello studio della filosofia “la maggior parte dei filosofi dei nostri corsi” dovrebbe provenire dall’Africa e dall’Asia. L’unione ha detto che fa parte di una più ampia campagna per “decolonizzare” l’università, in quanto cerca di “affrontare l’eredità strutturale ed epistemologica del colonialismo”.

I leader dell’istruzione hanno avvertito che le università saranno costrette a soddisfare le richieste degli studenti, per quanto irragionevoli possano essere. Secondo le riforme proposte per l’istruzione superiore, il governo vuole porre la soddisfazione degli studenti al centro di un nuovo sistema di classificazione, ma i critici temono che potrebbe minare l’integrità accademica.

Sir Roger Scruton, filosofo, ha affermato che le richieste suggeriscono “ignoranza”. “Non si può escludere un’intera area di sforzi intellettuali senza averlo indagato e chiaramente non hanno indagato su cosa intendano per filosofia bianca”, ha detto a The Mail on Sunday. “Se pensano che esista un contesto coloniale da cui è emersa la Critica della ragion pura di Kant, mi piacerebbe sentirlo”.

Sir Anthony Seldon, vice-cancelliere della Buckingham University, ha aggiunto: “C’è un vero pericolo che il politicamente stia sfuggendo al controllo. Dobbiamo capire il mondo com’era e non riscrivere la storia come potrebbe piacere a qualcuno.”

L’unione studentesca di SOAS, centro di riferimento per lo studio in Asia, Africa e Medio Oriente, ha affermato che “decolonizzare” l’università e “confrontarsi con l’istituzione bianca” è una delle priorità per l’anno accademico. Ha detto anche che i “filosofi bianchi” dovrebbero essere studiati solo “se necessario”, aggiungendo che il loro lavoro dovrebbe essere insegnato esclusivamente da un “punto di vista critico”. “Ad esempio, riconoscendo il contesto coloniale in cui i cosiddetti filosofi “illuministi” hanno scritto, ha aggiunto.

Erica Hunter, a capo del dipartimento di Religioni e Filosofie di SOAS, ha affermato che il punto di vista del sindacato è stato “piuttosto ridicolo”, ma la dott.ssa Deborah Johnston, Pro-Director (apprendimento e insegnamento), ha dichiarato: “Uno dei punti di forza di SOAS è che abbiamo sempre considerato le questioni mondiali dalla prospettiva delle regioni che studiamo: Asia, Africa e Medio Oriente. Il dibattito informato e critico e la discussione sul curriculum che insegniamo è una parte sana e adeguata dell’impresa accademica”.

Condividi