Francia, terrorismo islamico: arrestata la moglie di Peter Cherif

La moglie di uno dei più famosi jihadisti della Francia, Peter Cherif, è stata accusata e provvisoriamente detenuta giovedì. Lo ha riferito il pubblico ministero di Parigi, dopo che suo marito è stato riportato in prigione dopo sette anni di latitanza.

“Soulef A”, che è stato arrestato a fianco di Cherif e dei loro due figli a Gibuti a metà dicembre, è  accusata di “associazione criminale con fini terroristici” e “finanziamento di un’impresa terroristica”, ed è in attesa di un’audizione il 7 gennaio. Soulef A è stata presa in custodia domenica, dopo il suo arrivo in Francia.

Cherif, 36 anni, instradato in Francia alla fine di dicembre, è considerato una potenziale fonte di informazioni preziose per le agenzie di intelligence occidentali. Le autorità francesi lo stanno cercando da quando è scomparso nel 2011, l’ultimo giorno del processo a Parigi, per per aver combattuto in Iraq al fianco di Al-Qaeda nel 2004. È comparso davanti alla giustizia francese il 27 dicembre e gli è stata assegnata la nuova accusa di “cospirazione terroristica” prima di tornare in prigione per scontare la condanna a cinque anni del precedente processo.

Era vicino ai fratelli che, nel 2015, hanno massacrato membri dello staff della rivista satirica francese Charlie Hebdo.

Cherif, noto anche come Abou Hamza, è stato inserito nella lista nera USA di terroristi stranieri nel 2015.

Gli investigatori hanno aperto una nuova indagine nel 2017 per le sue attività nello Yemen, dove si è unito ai ranghi più anziani del ramo locale di Al-Qaeda nella penisola arabica (AQAP). Gli Stati Uniti ritengono che l’AQAP sia la branca più pericolosa del gruppo jihadista. (AFP)

Condividi