Ministro israeliano attacca la Ue ”Come ai tempi del nazismo”

11 dic – Il ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman, ha duramente criticato la recente posizione dell’Unione Europea a favore del riconoscimento dello Stato palestinese in sede Onu, sostenendo che che il trattamento riservato allo Stato ebraico e’ paragonabile alle politiche europee al tempo dell’Olocausto.

Dopo i 100 mln di euro, arriva anche il sì dell’Italia per Palestina all’Onu

Terzi: sconcerto per dichiarazioni agghiaccianti del leader Hamas

Terzi: la decisione sulla Palestina l’ha presa Monti

Secondo Liebermann, la Ue ha ”chiuso un occhio” di fronte alle dichiarazioni del capo di Hamas, Khaled Meshaal, che nel corso della sua prima storica visita a Gaza ha invitato i palestinesi a ”non cedere di un centimetro” sui confini dell’antica Palestina, che comprende anche l’attuale Israele.

Ancora una volta l’Europa ha ignorato gli appelli alla distruzione di Israele”, ha detto il Ministro parlando alla radio pubblica. ”Abbiamo gia’ visto questo alla fine degli anni trenta e all’inizio degli anni quaranta, quando l’Europa sapeva quanto stava accadendo nei campi di sterminio e non ha agito”.

Condividi