Al Sud 417mila minori vivono in povertà assoluta

11 dic – E’ allarme povertà tra i più piccoli al sud Italia, dove 417.000 minori vivono in povertà assoluta, con una spesa sociale e asili nido ai minimi nazionali e una dispersione scolastica oltre il 20%.

Elezioni, Monti: non assecondare gli istinti dei cittadini ma spiegare programmi

Sono i dati che emergono dal nuovo rapporto “Fare Comunità Educante: la Sfida da Vincere” di Crescere al Sud, la rete di associazioni e organizzazioni attive nel Mezzogiorno promossa da Save the Children e Fondazione con Il Sud. L’Italia, spiegano le associazioni, “non è un paese per bambini e adolescenti, li ha dimenticati da tempo, non investe su di loro e sul loro futuro e non li protegge come dovrebbe, e la deriva più grave e riguarda i minori che vivono al sud”.

Monti: mio futuro? La politica e’ orientare testa della gente

Più della metà degli under 18 in povertà assoluta del Paese sono nel Mezzogiorno, 417.000 su 720.000, dove in un solo anno, tra 2010 e 2011, le famiglie con minori povere sono aumentate del 2%. Per famiglie e minori far quadrare i conti diventa impossibile se anche la spesa sociale comunale che li dovrebbe sostenere è la più bassa d’Italia, 61 euro in media nelle principali regioni meridionali che scendono a 25 in Calabria, contro i 282 dell’Emilia Romagna o i 262 del Veneto.

Povertà e disagio colpiscono in particolare chi è più vulnerabile, come le mamme con meno di 20 anni, le “madri bambine”, che sono soprattutto al sud (3,38% a Napoli contro lo 0,97% di Milano) , dove il matrimonio precoce può essere visto come l’unica possibilità di emancipazione dal proprio nucleo familiare d’origine.

Condividi