UE: 30 mln di euro per programma di scambio di ricercatori

BRUXELLES, 10 DIC – Conto alla rovescia per la scadenza del piano di scambio Ue destinato alla ricerca, il ”Marie Curie International Research Staff Exchange Scheme (IRSES)”, finanziato dal Settimo programma quadro (FP7). Le organizzazioni impegnate nella ricerca scientifica hanno tempo fino al 17 gennaio per fare domanda e prendere parte a questa iniziativa, che puo’ contare su un finanziamento di 30 milioni di euro.

Secondo quanto riferisce il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), il bando e’ aperto a tutti i Paesi partner della politica di vicinato dell’Ue con i quali l’Ue ha un accordo su Scienza e tecnologia oppure e’ ancora nella fase di negoziarne uno. Il riferimento del bando e’ il seguente: FP7-PEOPLE-2013-IRSES.

Il programma per lo scambio internazionale di staff di ricerca Marie Curie punta a rafforzare la collaborazione attraverso lo scambio di esperti e attivita’ di networking fra le organizzazioni europee e quelle dei Paesi partner che possono partecipare.

Rispetto agli interventi individuali del programma Marie Curie, questa iniziativa fornisce possibilita’ di mobilita’ a organizzazioni per stabilire o rafforzare una cooperazione a lungo termine tramite un programma congiunto di scambio di ricercatori per brevi periodi. L’aspettativa e’ che i progetti che rientrano in questo programma contribuiscano a costruire e rafforzare la rete di collaborazioni, a beneficio sia degli Stati membri dell’Ue che dei Paesi vicini, o altri Paesi terzi coperti da un accordo nel campo di scienza e tecnologia. Allo stesso tempo, i partecipanti portano con loro le proprie conoscenze incoraggiando uno scambio di ‘migliori pratiche’. (ANSAmed)

Condividi