Chi è Vittorio Grilli, il nuovo ministro dell’Economia, proposto da Monti a Napolitano

11 lug – Vittorio Grilli nuovo ministro dell’Economia. Dopo otto mesi il premier Mario Monti lascia l’interim del Tesoro, a favore dell’attuale viceministro che in giornata sarà nominato a capo del dicastero di via XX settembre.

Nel settore privato Vittorio Grilli  ha lavorato come Managing Director alla Credit Suisse First Boston a Londra.
E’ stato Presidente per diversi anni dell’Istituto Italiano di Tecnologia e Consigliere di amministrazione in numerose società quotate e non, tra cui: Cassa Depositi e Prestiti – Istituto Nazionale di Genetica Molecolare – INGM – Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa;  ENEL S.p.A. – Alitalia – Artigiancassa S.p.A. – CONSAP S.p.A – CONSIP S.p.A. – WIND – Banca Europea per gli Investimenti (BEI) – ISPE – ISAE – Arcus S.p.A. – Commissione di Garanzia per l’Informazione Statistica.

Spending review: liquidazione Arcus spa, che ha speso piu’ di 100 milioni in 3 anni. Ecco come

Attualmente è Membro dello European think tank Bruegel e dell’Aspen Institute Italia.

Secondo quanto rende noto una nota di palazzo Chigi il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha proposto al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, di nominare Grilli a ministro dell’Economia e si recherà al palazzo del Quirinale alle ore 16.30 per la cerimonia del giuramento.

Nato a Milano, classe 1957, Grilli è stato nominato viceministro dell’Economia del Governo Monti nel novembre 2011. Dal 2005 al 2011, aveva ricoperto il ruolo di Direttore Generale del Tesoro e prima ancora, 2002-2005, era stato Ragioniere Generale dello Stato.

Condividi