Draghi: “L’euro e’ qui per rimanere. Unione bancaria entro fine anno”

Bruxelles, 9 lug. – “L’euro e’ qui per rimanere e l’Eurozona prendera’ le misure necessarie affinche’ questo accada”. Lo ha detto il presidente dell Bce, Mario Draghi, nella sua audizione al Parlamento di Bruxelles.

Draghi ha usato le stesse parole del premier Mario Monti in occasione del vertice con Angela Merkel, Mariano Rajoi e Francois Holande a Roma. “Perche’ abbiamo ancora tensioni in certi segmenti? – si chiede Draghi – Intanto dico che molto e’ stato fatto nell’area euro in termini di riforme e di governance. Ma occorre una loro piena implementazione”.

Il presidente della Banca Centrale Europea ha evocato la creazione “entro la fine dell’anno” di un’Unione bancaria ragionevole basata sugli attuali trattati

Supervisione finanziaria e fondo di risoluzione dei fallimenti bancari sono i due pilastri fondamentali dell’Unione bancaria, mentre il terzo pilastro, cioe’ la garanzia europea dei depositi bancari, “non puo’ essere applicato subito perche’ implica una mutualizzazione del debito, e questo deve essere il punto di arrivo, non di partenza,” ha precisato Draghi durante un’audizione al Parlamento europeo . agi

Condividi