17enne inventa violenza sessuale per impressionare il fidanzato

Ha chiamato il 118 e i carabinieri di Riccione, in provincia di Rimini, dalla spiaggia del bagno 79, dove si trovava dopo aver discusso con il fidanzatino. Ai militari ha raccontato di essere stata rapinata e violantata, tanto che era in attesa di essere trasportata al pronto soccorso.

Protagonista del fatto, avvenuto ieri sera intorno alle 23.45, e’ una studentessa 17enne nata a Tivoli, che e’ finita nei guai con una denuncia per simulazione di reato e false dichiarazioni a pubblico ufficiale sulla propria identita’. La minorenne, infatti, si era inventata tutto nell’intento di impressionare il fidanzatino con cui aveva appena litigato.

A scoprire la bugia sono stati gli stessi carabinieri che hanno ascoltato sia lei, mentre era in ospedale in attesa degli accertamenti medici, sia i presunti testimoni della violenza. La giovane pero’ ha subito fornito versioni contrastanti e poco convincenti dell’episodio, tanto che poco dopo i militari hanno accertato anche che la stessa aveva declinato false generalita’.

Al termine del colloquio con i carabinieri, la ragazzina ha ammesso di aver mentito per attirare l’attenzione del fidanzato. Il fatto e’ stato segnalato alla Procura dei minori, mentre la studentessa e’ stata riaffidata alla madre.

adnkronos

Condividi