Migranti, Open Arms: a bordo scabbia e rischi sanitari, urge sbarco

278 personesi trovano a bordo della nave della ong tedesca Open Arms, “La situazione a bordo è complessa – spiegano Open Arms e Emergency – le condizioni meteo sono in peggioramento, tutti i naufraghi (clandestini, ndr) sono in condizioni fisiche e psicologiche precarie. L’11 settembre scorso il medico di bordo, Paola Tagliabue, aveva messo a punto una relazione allarmante sulle condizioni a bordo dei naufraghi. Essi, scriveva, “mostrano caratteristiche di fragilità legate all’età, al periodo trascorso in condizioni di detenzione e/o prolungata permanenza in mare. Nello specifico, a bordo si contano 2 donne gravide (al 1° e al 3° mese), 16 minori (di cui una bambina di 2 anni e una di 3) e 18 donne.

Si comunica, inoltre, che a 24 naufraghi è stata diagnosticata la scabbia e 5 pazienti riportano lesioni da carburante e severa disidratazione, di cui 2 con lesioni estese. I naufraghi soccorsi nell’ultima operazione di salvataggio presentano importanti condizioni di disidratazione. Si sottolinea che la permanenza prolungata a bordo della nave potrebbe scatenare l’insorgenza di epidemie di patologie a trasmissione respiratoria, nonché gastrointestinali.

Si teme inoltre – proseguiva Tagliabue – il peggioramento delle condizioni di salute delle persone ad ora in fase di osservazione, in considerazione del loro stato clinico precario. Alla luce delle considerazioni di cui sopra, si consiglia di ridurre al massimo il periodo di navigazione per motivi di sicurezza sanitaria”.

Open Arms aveva effettuato tre soccorsi tra l’8 settembre e il 10 settembre scorsi, due in Sar maltese e uno in Sar libica. La nave attende da sei giorni giorni l’indicazione di un porto sicuro, che finora è stato negato, dove poter far sbarcare i migranti. affaritaliani.it

 

Condividi