Bus bambini incendiato, Sy in aula con la mascherina ‘l’Africa non morirà mai

Condividi

 

“In realtà l’imputato non ha appiccato il fuoco e non aveva alcuna volontà omicida e incendiaria”. È cominciato così l’intervento dell’avvocato Giovanni Garbagnati, difensore di Ousseynou Sy, il 47enne che il 20 marzo dell’anno scorso ha dirottato e incendiato un pullman con a bordo una scolaresca di 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella e nei cui confronti la Procura ha chiesto 24 anni di carcere per sequestro aggravato dalla finalità di terrorismo, strage, incendio, lesioni e resistenza.

Sy, che segue l’udienza nell’aula bunker da dietro le sbarre, una mascherina nera sul volto con la scritta ‘l’Africa non morirà mai’ e la cartina del continente ricamate, renderà dichiarazioni all’udienza di dopodomani, giorno in cui è attesa la sentenza. Il difensore non ha negato che quella di Sy è stata, come è scritto nella perizia con cui è stato dichiarata la sua capacità di intendere e volere, “un’azione spropositata.



Un gesto clamoroso di denuncia di un pensiero che lo tormentava”, cioè le morti nel Mediterraneo.
Il legale, che ha chiesto l’assoluzione per il reato di strage, ha sostenuto non solo che nessuno dei bimbi e dei professori sul bus lo ha visto appiccare il fuoco con l’accendigas, ma che la causa dell’incendio è da addebitare a un cortocircuito che si è innescato in seguito allo speronamento con l’auto dei carabinieri intervenuti per fermarlo. A differenza di quel che ritengono l’accusa e le parti civili, per la difesa non c’era dolo sebbene Sy abbia cosparso l’autobus di benzina. (ANSA).

Tornate a casa a combattere, codardi!



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -