Torino: rubavano auto e le rivendevano in Marocco

Condividi

 

TORINO, 06 GIU – Dodici misure cautelari sono state eseguite nei confronti di altrettanti italiani, romeni e nordafricani nell’ambito di un’indagine della polizia stradale su un giro di riciclaggio di auto dal Piemonte al Marocco. Sette persone sono finite in carcere, altre tre ai domiciliari, mentre nei confronti di due componenti della banda è stato disposto l’obbligo di firma.

L’inchiesta è coordinata dalla procura di Torino. Le vetture rubate – Fiat, Audi, Mercedes, Bmw e Jeep – venivano smontate a pezzi da alcuni autodemolitori dell’hinterland torinese. Il materiale veniva poi ceduto a carrozzieri maghrebini che, con autocarri e container, li inviavano illegalmente in Marocco per alimentare il mercato nero dei pezzi di ricambio. Nell’indagine è contestato il “trattamento” di 32 auto per un valore commerciale complessivo di 400 mila euro. ansa

 

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -