Crisi coronavirus, anche i De Benedetti chiedono prestito con garanzia dello Stato

Condividi

 

L’emergenza Coronavirus continua in tutta Italia e travolge tutti. La crisi economica non guarda in faccia a nessuno, tanto che dopo Fca anche i De Benedetti hanno deciso di avvalersi dei prestiti statali con la tutela di Sace.

Lo scorso 21 aprile il cda di Cir ha deciso di rinviare l’assemblea dei soci – si legge sulla Verità – in data 8 giugno, per non precludersi la possibilità di accedere ai prestiti e rinunciando quindi ai dividendi, che altrimenti renderebbero impossibile il finanziamento, come stabilito nel decreto del governo.



Le società a causa della crisi hanno fatto registrare importanti perdite, ad incidere è stata soprattutto la crisi dell’automative con Sogefi, attiva nella componentistica per le quattro ruote che ha visto scendere i suoi ricavi drasticamente. In crescita invece la società legata alle case di riposo Kos, +9,2% nell’ultimo esercizio. Ma anche per questa società – secondo quanto risulta alla Verità – i De Benedetti starebbero pensando ad un finanziamento bancario.  affaritaliani.it

Caltagirone, De Benedetti e Coop rosse, cifre e nomi dei grandi debitori di Mps e altre banche



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -