Sudafrica, proteste contro immigrati: 5 morti, 90 arresti

Condividi

 

Almeno 5 persone sono rimaste uccise nell’ondata di violenza che ha travolto il Sudafrica nel fine settimana. Lo riferisce la polizia in un comunicato. “Ci sono stati cinque omicidi” a Johannesburg, si legge nella nota. Il ministro della Polizia, Bheki Cele, ha poi precisato che le vittime sono sudafricane.

Almeno 50 negozi, appartenenti a proprietari stranieri, sono stati saccheggiati e bruciati ieri nelle periferie di Malvern e Jeppestown, a sud di Johannesburg e a Pretoria. La polizia ha sparato proiettili di gomma contro i saccheggiatori mentre le auto bruciate venivano bloccate sulle strade. Almeno 90 gli arrestati, secondo un comunicato della polizia che ha rafforzato i controlli nei quartieri di Johannesburg.

Il Sudafrica è una delle principali destinazioni per i migranti economici della regione dell’Africa meridionale, con molti che si spostano dal vicino Lesotho, Mozambico e Zimbabwe in cerca di lavoro. L’ultimo censimento della popolazione nel 2011 mostra che i numeri sono aumentati nel decennio precedente, con quasi la metà dei migranti internazionali trasferiti in Sudafrica tra il 2005 e il 2010. Un numero sconosciuto di migranti è privo di documenti.



Il portavoce del ministero del lavoro Makhosonke Buthelezi, la scorsa settimana, ha dichiarato all’AFP che i datori di lavoro “preferiscono (camionisti stranieri) perché possono lavorare per lunghe ore a un costo molto più economico, quindi tendono a sfruttarli“.

“La gente del Sud Africa ha fame, mentre le aziende in Sud Africa impiegano gli stranieri … (perché) il loro lavoro è a basso costo. Siamo affamati e arrabbiati”, ha detto Zungu ad AFP.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -