Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, 8 medici condannati

Condividi

 

REGGIO CALABRIA, 25 LUG – Otto medici degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria sono stati condannati dal tribunale a conclusione del processo “Mala sanitas” su errori compiuti nei reparti di ostetricia e ginecologia, di neonatologia e di anestesia coperti con la falsificazione delle cartelle cliniche.

I reati, a vario titolo, erano falso ideologico e materiale, soppressione, distruzione e occultamento di atti, interruzione di gravidanza senza il consenso della gestante.

I giudici hanno condannato l’ex primario di ginecologia Pasquale Vadalà (4 anni e 9 mesi); l’ex primario facente funzioni Alessandro Tripodi (4 anni e otto mesi); i ginecologi Filippo Saccà (4 anni e 6 mesi), Daniela Manuzio (6 anni e 2 mesi), Antonella Musella (4 anni); i neonatologi Maria Concetta Maio (4 anni); Massimo Sorace (4 anni); l’anestesista Luigi Grasso (2 anni e 3 mesi). Assolti l’ex primario di anestesia Annibale Musitano e i ginecologi Roberto Pennisi e Marcello Tripodi. Caduta l’accusa di associazione per delinquere. ansa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -