“Mi fido dei tribunali italiani”, Carola Rackete ride durante l’arresto

Ieri, la capitana tedesca ha attaccato il ministro Salvini lanciando patetici appelli: “La situazione psicologica dei migranti a bordo diventa peggiore di giorno in giorno: abbiamo dovuto infrangere le regole per proteggere queste persone, ma mi fido dei tribunali italiani

Questa notte la nave dei “pirati umanitari” (con a bordo una delegazione di parlamentari Pd) è entrata nel porto di Lampedusa, intorno all’1.40, dopo un turbolento avvicinamento al molo con motovedette italiane che cercavano di impedire l’approdo forzato voluto dalla comandante Carola Rackete, posta in stato di arresto al momento dello sbarco. Salvini ha parlato di “comportamento criminale che ha messo a rischio la vita dei militari della Gdf”.

La capitana ride durante l’arresto. Nel video, l’ingresso alla caserma della GdF alle 8.20. Possibile trasferimento in carcere ad Agrigento

Condividi