Il sagrato violato e il Rosario esibito

Condividi

 

di Vittorio Zedda

In un paese dove tanti calciatori si fanno il segno della croce entrando
nel terreno di gioco (mentre qualche loro collega musulmano recita la “basmala”),
e in quello stesso paese dove per decenni un partito ha avuto come simbolo lo
scudo dei Crociati e il nome di Democrazia Cristiana, ha fatto scandalo il
fatto che un leader politico in piazza Duomo a Milano il 18 maggio 2019 si
sia raccomandato alla Madonnina che domina la piazza da cento metri
d’altezza. Ad un laico come me , la cosa potrebbe anche far sorridere, ma
non più di tanto.La religione è ben presente nel mondo e nella politica, e
non la si può ignorare . Basta pensare, per esempio, quanto sia ancora viva
la questione del riconoscimento delle “radici cristiane”, o
giudaico-cristiane, dell’Europa,di quell’Europa che ha fra
l’altro, cristianamente, sulla sua bandiera azzurra il simbolo mariano
delle dodici stelle . E’ vero che certi appelli alla religione o
l’uso di suoi simboli,da parte d’un politico in periodo elettorale,
possono essere o apparire quanto meno patetici e fuori luogo.E molto può
dipendere anche dallo stile e dalla misura del gesto, che nello specifico,
può facilmente superare il limite dell’accettabile. Ma la piazza del
Duomo è un luogo simbolo, già segnato da comportamenti intenzionalmente
ingiuriosi e irriguardosi di segno opposto, non solo verso la città, ma verso
la civiltà cui tutti noi apparteniamo.

Nel 2009 , al termine di una
manifestazione , apparentemente anti-israeliana, ma sostanzialmente
antisemita , una folla di migliaia di stranieri musulmani invasero il sagrato
del Duomo , pur non avendo il permesso per l’uso del luogo, e inscenarono
una clamorosa preghiera islamica collettiva, orientata verso sud-est,in
direzione della Mecca . Con ciò dando agli astanti la plastica
rappresentazione di un abuso e di una prepotente invasione e imposizione
della loro esibita presunta supremazia, occupando l’intera piazza. Il
sagrato è luogo di pertinenza della cattedrale e il gesto fu grave ed
eccepibile a termini di estremi di reato.. Chi guidò questo blitz sapeva bene
di commettere un atto sotto vari aspetti illecito e ostile, tant’è vero
che il giorno dopo un gruppo ristretto di rappresentanti della comunità
musulmana si affrettò a presentare le proprie scuse alle autorità civili e
religiose. Non fu inoltrata alcuna denuncia e nemmeno venne espressa da chi
di dovere una sacrosanta protesta verbale, che pure i milanesi avrebbero
voluto chiara e forte. Nulla. La Curia e il Comune incassarono il colpo, ma
la cittadinanza milanese ,pur perdonando, non ha dimenticato il gesto di
spregio. Altra cosa, se fosse stata concordata una preghiera interreligiosa
condivisa e vissuta collettivamente secondo intenzioni chiare e ben
esplicitate. Ma così non fu e le frettolose scuse confermarono
l’irriguardosità voluta del gesto e la “coda di paglia” dei
suoi autori.

Seguirono,però, varie altre offese al Duomo, da magrebini più
volte usato all’esterno come orinatoio,clamorosamente e “coram
populo” specie in corrispondenza dei grandi portoni di bronzo , e senza
alcun riguardo a chi attorno vedeva . Successivamente la presenza di militari
armati a guardia della cattedrale pose fine allo scempio, ma il motivo della
efficace vigilanza armata era dovuta alla ripetuta minaccia di attentati,
tuttora perdurante. Un richiamo al rispetto del luogo e alla grandiosa
espressione di fede che il Duomo rappresenta, fatta da Salvini, e mai fatta
da alcun altro politico davanti a quella cattedrale a simbolica riparazione
di quei gesti di spregio, non poteva che suscitare uno scosciante e insistito
applauso della piazza.E un politico un’occasione del genere non la butta
via, anche ,e a maggior ragione, perché deve rintuzzare certe accuse di
incoerenza rispetto ad un cristianesimo dichiarato ma, dicono i suoi nemici
(sante persone) non praticato.

Tornando all’inquietante prova di forza
anti-cristiana del 2009, non avrebbe avuto più alcun senso né spazio il
rosario di Salvini, se altri, a suo tempo, avessero saputo dare una risposta
decorosa a quella provocazione islamica, in modo dignitoso e autorevole e non
nelle solite forme di un acquiescente,indecoroso e imbelle buonismo, capace
solo di fingere che nulla fosse successo,esprimendo ancora una volta un
implicito , imbecille scivolamento verso una sottomissione, apparentemente
ineluttabile.

Chi sa cogliere la gravità e il vuoto di un’omissione che
ferisce un sentimento condiviso, è chiaro che se ne appropria e se ne avvale
come può e come sa. E non mi si dica che ,da milanese, non ne avesse buoni
motivi , proprio colui che ha,incidentalmente , l’imperdonabile difetto,
o colpa, di essere Salvini. Un Salvini che, parlando a casa sua, ha comunque
centrato un bersaglio sensibile. VITTORIO ZEDDA

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -