Cassiera uccisa a Pesaro, marocchino condannato all’ergastolo

Condividi

 

PESARO, 22 MAG – Ergastolo per Zakaria Safri, 38 anni, marocchino, imputato dell’omicidio di Sabrina Malipiero, 52enne cassiera uccisa in casa a Pesaro il 13 luglio 2018 con dieci coltellate. E’ la sentenza pronunciata dopo due in camera di consiglio dei giudici della Corte di Assise di Pesaro. Che hanno sostanzialmente accolto la richiesta della accusa, sostenuta dai pm Silvia Cecchi e Giovanni Narbone, escludendo l’aggravante della crudeltà, ma ammettendo quella di avere agito per futili motivi.

Safri è l’unico imputato: ci sono sue impronte insanguinate in varie parti della casa, è stato l’ultimo ad aver visto viva la donna, la videosorveglianza lo lo ritrae mentre arriva a casa della vittima e poi se ne va con l’automobile di Sabrina Malipiero. Lui ha sempre negato, sostenendo di essere entrato in casa, di avere visto l’amica agonizzante, con un coltello conficcato in gola e di essersi limitato a toglierlo, per poi fuggire spaventato. Una tesi a cui la Procura non ha mai creduto.  ansa

Non ricordo niente, mi ero fatto poco prima di cocaina“, aveva detto agli inquirenti. Il marocchino era già noto alla forze di polizia, in particolare all’antidroga della Questura di Pesaro Urbino.

Donna uccisa a Pesaro, il marocchino arrestato: “mi ero fatto di cocaina”

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


Diffamazioni a Imolaggi – Armando Manocchia risponde ai professionisti della mistificazione

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -