Sea Watch, migranti sbarcano malgrado il divieto di Salvini

Condividi

 

I 45 migranti rimasti sulla Sea Watch stanno arrivando a piccoli gruppi su gommoni della capitaneria di porto sul molo del porto di Lampedusa. Le prime persone, fatte salire sui natanti con giubbotto salvagente, dopo la procedura di routine saranno portate al centro di accoglienza dell’isola.

Scatta il sequestro della Sea Watch ferma da due giorni al largo di Lampedusa e i 47 migranti a bordo vengono fatti sbarcare. La svolta arriva nonostante il no ripetuto per tutto il giorno da Matteo Salvini, e ribadito con forza dopo il sequestro: “Sono pronto a denunciare per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina chiunque sia disponibile a far sbarcare gli immigrati irregolari su una nave fuorilegge. Questo vale anche per organi dello Stato: se questo procuratore autorizza lo sbarco, io vado fino in fondo“. Il riferimento è al procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio: il blocco dell’imbarcazione, infatti, è finalizzato a fare i necessari accertamenti e a verificare se la condotta del comandante della nave abbia violato la legge. Ma porta con sé anche lo sbarco dei migranti che “messi in salvo saranno affidati a personale della Questura di Agrigento per la identificazione e per i necessari atti di polizia giudiziaria” ha detto Patronaggio.



A chi obbediscono coloro che hanno autorizzato lo sbarco, andando contro il ministro degli Interni?

Matteo Salvini assiste in diretta tv allo sbarco dei migranti dalla nave Sea Watch 3. E’ in diretta a L’Arena su La7, quando una telecamera che trasmette immagini in diretta mostra alcuni migranti, con giubbotto di salvataggio, che scendono in porto da un’imbarcazione della Capitaneria di porto. “Qualcuno l’ordine lo avrà dato. Questo qualcuno ne dovrà rispondere”, si irrita il ministro. Il M5s fa sapere che non sono stati i suoi ministri. Ma Salvini insiste: “Chiunque sia stato ne risponderà davanti agli italiani”.

Migranti, il Viminale replica all’Onu – – Intanto, il ministro degli Esteri Enzo Moavero, ha incaricato il Rappresentante italiano alle “Nazioni Unite a Ginevra, Ambasciatore Cornado, di contattare i firmatari” della lettera inviata all’Italia, “per chiedere elementi più precisi sulle fonti utilizzate”. Lo precisa una nota della Farnesina sottolineando che “comunicazioni”, come quella ricevuta, “sono lettere in merito ad asserite violazioni dei diritti umani, accadute o in procinto di verificarsi” il cui contenuto “si basa su informazioni ricevute da fonti varie che, talvolta, sono risultate imprecise o inaffidabili”.  ansa



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -