Sgarbi: “Salvini fascista? Tanto quanto lo era Minniti”. Boldrini sconvolta

Condividi

 

In studio a PiazzaPulita di Corrado Formigli, nella puntata di giovedì 16 maggio su La7, si torna a parlare di fascismo. O meglio: Matteo Salvini è fascista? Questa la tesi, assai bislacca, ma tant’è. A prendere la parola è Vittorio Sgarbi, che ricorda come, forse, sia più fascistoide l’atteggiamento di chi al Salone del Libro si è schierato contro Altaforte e il ministro dell’Interno, impedendo nei fatti la libertà di parola.

“Sì, ma è anche di destra impedire l’accesso del ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio al Salone del Libro – premette il critico d’arte -. La platea era tutta contro Salvini. Le ragion di Stato sono diverse dall’antagonismo politico – aggiunge parlando di immigrazione -. Se l’Europa non si prende carico di un problema che è europeo, un ministro italiano non può essere trattato da antagonisti politici come se fosse uno che è diventato fascista. Perché è fascista tanto quanto lo era, e lo dice Mimmo Lucano, Marco Minniti.



Il problema è epocale, storico. Fare antagonismo a Salvini è facilissimo”, conclude Sgarbi. Il tutto davanti a una Laura Boldrini la cui faccia parla da sola. Al termine dell’intemerata di Sgarbi, Formigli chiede: “Boldrini è d’accordo?”. Scontata la risposta della fu presidenta…  www.liberoquotidiano.it



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -