Immigrazione clandestina e corruzione, arrestati funzionari e pubblici ufficiali

Condividi

 

L’operazione, denominata «Yuan», ha portato alla luce un sodalizio responsabile a vario titolo di favoreggiamento aggravato di immigrazione clandestina, falsità ideologica, alterazione di documenti per il rilascio del permesso di soggiorno e plurimi episodi di corruzione.

Gli agenti hanno arrestato dieci persone che operavano a Bergamo e provincia oltre che nelle province di Milano e Novara. Tra loro anche dipendenti di polizia locale e funzionari amministrativi e una candidata azzurra alle elezioni del consiglio comunale di Bergamo Leandra Arnaldo Pavorè. Altre cinque persone invece sono state poste agli arresti domiciliari.



L’indagine –  scrive L’Eco di Bergamo – è partita dalla segnalazione dell’ufficio Immigrazione della Questura di Bergamo alla squadra Mobile, per una richiesta di validazione di alcune pratiche di rinnovo di permesso di soggiorno a cittadini cinesi consegnate da Pierpaolo Perozziello (coadiutore amministrativo contabile, dipendente del Ministero dell’Interno, in servizio presso l’archivio dell’ufficio immigrazione della Questura di Bergamo) e corredate da certificati di residenza risultati contraffatti.

Dopo una lunga attività di indagine gli agenti sono arrivati a ricostruire il modus operandi degli arrestati. Leandra Arnaldo Pavorè e Xiaochao Dong, titolari di un’agenzia di pratiche amministrative, attraverso la fattiva collaborazione degli appartenenti all’amministrazione pubblica (Sciortino, Pezzimenti, Cirrone, De Vuono e Flaccadori) hanno creato le condizioni per ottenere il nulla osta a ricongiungimenti famigliari, rinnovi di permessi di soggiorno a cittadini cinesi privi dei requisiti necessari, falsificando certificati , ma anche creando residenze e attività di lavoro fittizie.

Dalle intercettazioni telefoniche si è potuto appurare che il costo per ogni pratica variava dai 3mila euro per il rinnovo dei permessi di soggiorno, ai 9mila euro per un ricongiungimento familiare.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -