Bergoglio in Marocco promuove islam ‘moderato’ e immigrazione

Condividi

 

Papa Francesco ha detto sabato che la situazione dei migranti è “una ferita che grida al cielo” e che non potrebbe mai essere guarita da barriere fisiche. Iniziando una visita di due giorni in Marocco, ha anche sostenuto gli sforzi del re marocchino Mohammed VI di diffondere una forma di islam che promuove il dialogo interreligioso e rifiuta la violenza in nome di Dio.

Negli ultimi mesi, la migrazione è di nuovo salita alla ribalta dei dibattiti politici nazionali in numerosi paesi nordafricani ed europei e negli Stati Uniti. “La questione della migrazione non sarà mai risolta sollevando barriere, fomentando la paura degli altri o negando assistenza a coloro che aspirano legittimamente a una vita migliore per se stessi e le loro famiglie“, ha detto Bergoglio duarante la cerimonia di benvenuto. “Sappiamo anche che il consolidamento della vera pace passa attraverso la ricerca della giustizia sociale, che è indispensabile per correggere gli squilibri economici e le agitazioni politiche che hanno sempre avuto un ruolo importante nel generare conflitti e minacciare l’intera umanità“, ha detto.



Il Marocco è diventato un punto di partenza fondamentale per i migranti africani che cercano di raggiungere l’Europa dopo le repressioni che hanno chiuso o limitato le rotte altrove. Il ministro degli Interni italiano ha chiuso i porti per fermare le navi delle Ong.

Bergoglio, che ha fatto della difesa dei migranti e dei rifugiati una parte fondamentale della sua predicazione, ha detto di essere preoccupato per il loro “destino spesso triste” e che i paesi di accoglienza devono riconoscere che i migranti costretti a lasciare le loro case a causa della povertà e dei disordini politici.

Costa d’Avorio: 85% dei migranti che partono ha un lavoro in patria

Nel pomeriggio, il papa ha parlato di migrazione durante una visita ad un rifugio gestito dalla Caritas. Ha detto che migranti e rifugiati hanno diritti e dignità “indipendenti dal loro status legale” e che le comunità ospitanti dovrebbero respingere “tutte le forme di discriminazione e xenofobia”.

Francesco e il re hanno poi visitato un istituto fondato per istruire imam e predicatori maschili e femminili dell’Islam.

Il Marocco, che è quasi interamente musulmano, si è promosso come un’oasi di tolleranza religiosa in una regione lacerata dalla militanza. Ha offerto una formazione ai predicatori musulmani dall’Africa e dall’Europa su ciò che descrive come Islam moderato.

Francesco, compiendo la prima visita di un papa in Marocco in 34 anni, ha elogiato il monarca per aver fornito “una solida formazione per combattere tutte le forme di estremismo, che così spesso conducono alla violenza e al terrorismo e che, in ogni caso, costituiscono un’offesa contro la religione e contro Dio stesso “. (reuters.com)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2020 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -