Ousseynou Sy durante l’interrogatorio: “Salvini imbecille”

Condividi

 

È il “convincimento ideologico, addirittura, citando criticamente la politica nazionale e, più in generale, quella occidentale” l’elemento che prova le finalità terroristiche con cui Ousseynou Sy ha dirottato uno scuolabus con a bordo 51 bambini mercoledì 20 marzo a San Donato.

Lo scrive il gip di Milano, Tommaso Perna, nell’ordinanza di convalida dell’arresto nei confronti dell’autista di origini senegalesi, che quindi rimarrà a San Vittore. Secondo il magistrato “è evidente che lo scopo sotteso all’azione dell’indagato era quello di costringere, o comunque condizionare, le politiche migratorie attualmente adottate dal Governo in carica“.



La ‘miccia’ che avrebbe acceso in lui la volontà di agire sarebbe stata la vicenda della nave Mare Jonio con a bordo 49 migranti, per il quale era stata predisposta la chiusura del porto di Lampedusa: il “mancato sbarco di 49 persone”, risalente al 19 marzo avrebbe provocato in lui “l’ira” che lo ha spinto “all’azione dimostrativa”. Sy voleva andare via, tornare in Africa e convincere anche gli altri suoi conterranei a fare lo stesso: “Così noi togliamo il disturbo, non ci sarà più bisogno di Salvini che dice: ‘Non si scende!’, quell’imbecille” ha dichiarato durante l’interrogatorio, riferendosi al ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini.  AGI

 



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -