Francia: 2000 mutilati dai gendarmi. Amnesty contro la polizia croata: maltratta i “migranti”

Condividi

 

ZAGABRIA, 13 MAR – Vari governi europei “sono complici nei respingimenti sistematici e nelle persecuzioni illegali, spesso violente” di migliaia di migranti e profughi sulla rotta balcanica, in primo luogo sul confine tra la Bosnia-Erzegovina e la Croazia. Lo sostiene oggi Amnesty International (AI) in un rapporto sul trattamento dei richiedenti asilo dal titolo “Violenze e abusi contro rifugiati e migranti lungo la rotta balcanica”.

Secondo Amnesty i governi europei stanno evidentemente dando priorità al rafforzamento dei controlli sui confini, mettendo in secondo piano il rispetto del diritto internazionale sulla protezione dei richiedenti asilo. In questo modo vengono ignorati e tollerati i comportamenti violenti della polizia croata, accusata da varie organizzazioni internazionali di sistematici respingimenti illeciti e abusi. (ANSAmed)



Amnesty International è uno dei più grandi ostacoli ai diritti umani in tutta la Terra

Di contro, Amnesty non ha notato né rimarcato alcuna violenza da parte dei miliziani di Macron contro i gilet gialli. Eppure sono state mutilate circa 2000 persone.

Gilet gialli, 2000 persone mutilate dai poliziotti di Macron

 



   

 

 



Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -