Siria: jihadista vuole tornare in Italia e avverte “ci sono cellule dormienti”

Condividi

 

Mounsef al-Mkhayar, 22, an Islamic state fighter of Morrocan descent and Italian citizenship, gestures during an interview with Reuters, in Qamishli, Syria March 9, 2019. REUTERS/Issam Abdallah

Mounsef al-Mkhayar, Islamic state fighter of Morrocan descent and Italian citizenship, REUTERS/Issam Abdallah

Un combattente dello stato islamico vuole tornare in Italia e avvisa sull’esistenza di “celle dormienti”
Il jihadista. detenuto in Siria, ha invitato l’Italia sabato a lasciarlo tornare a casa per iniziare una nuova vita, dicendo di aver abbandonato il califfato islamico, deluso dai suoi governanti.

Mounsef al-Mkhayar, 22enne marocchino cresciuto in Italia, ha parlato con Reuters due mesi fa, nella sua prima intervista da quando si è arreso alle forze democratiche siriane supportate dagli USA (SDF). È in prigione da quando è uscito da Baghouz, un piccolo villaggio nella Siria orientale dove l’SDF è pronto a spazzare via l’ultima traccia del governo dello Stato islamico, che un tempo copriva un terzo dell’Iraq e della Siria.

Mkhayar ha fornito un resoconto del crescente caos tra i jihadisti sull’orlo della sconfitta e le dispute tra i ranghi mentre i comandanti superstiti sono fuggiti dalla Siria. Ma ha detto che lo Stato Islamico ha in programma anche la prossima fase, facendo uscire clandestinamente centinaia di uomini per installare celle dormienti in Iraq e nella Siria orientale: “Hanno detto ‘Dobbiamo vendicarci'”.

Mkhayar è una delle migliaia di persone provenienti da tutto il mondo che sono state attratte dalla promessa di un’utopia islamista sunnita ultra-radicale che scavalca i confini nazionali. I funzionari della sicurezza curda lo hanno identificato come italiano e ha dichiarato di detenere la cittadinanza italiana.

“Desidero tornare in Italia dalla mia famiglia e dai miei amici … perché accettino e mi aiutino a vivere una nuova vita”, ha detto Mkhayar, che cammina con stampelle perché ferito a una gamba, dopo un bombardamento. “Voglio solo uscire da questo film, sono stanco.”

Mkhayar è stato condannato a otto anni di prigione da un tribunale di Milano nel 2017 per aver diffuso la propaganda dello Stato islamico e aver cercato di reclutare italiani per la sua causa islamista. Di conseguenza, è probabile che debba scontare questa pena se ritorna in Italia.

Reuters lo ha intervistato in un ufficio di sicurezza nel nord della Siria, in presenza di un funzionario della SDF. Prima dell’assalto finale a Baghouz, l’SDF a guida curda ha detto di avere circa 800 militanti stranieri nelle carceri e 2.000 delle loro mogli e bambini nei campi. Da allora, i numeri si sono gonfiati. L’SDF vuole che vengano rimandati da dove sono venuti, ma i governi stranieri in genere non vogliono ricevere cittadini che potrebbero essere difficili da perseguire, e che hanno giurato fedeltà a un califfato che ha lasciato dietro di sé una scia di macelleria.

Un tempo ateo, con un’affinità per la musica rap e un sogno di trasferirsi in America, Mkhayar si unì allo Stato Islamico a 18 anni. Disse che aveva trascorso la maggior parte della sua vita a Milano con una zia, prima di essere sistemato in una casa per giovani in difficoltà, gestita da un prete italiano. Ha trascorso un mese in prigione con l’accusa di droga. Poi ha iniziato a seguire i video dello stato islamico su YouTube e parlare con i reclutatori su Facebook. Gli ci è voluto solo un mese per decidere di trasferirsi in Siria con un amico quattro anni fa.

 Dopo l’addestramento militare e religioso, Mkhayar ha combattuto su vari fronti. Quando lo Stato islamico perse il suo quartier generale siriano a Raqqa, partì per Mayadin sul fiume Eufrate in Siria, quindi si spostò più a est attraverso il deserto, verso il confine iracheno. Il jihadista ha detto che voleva abbandonare i combattimenti, ma era stato imprigionato e poi rispedito in prima linea mentre gli attacchi si intensificavano. Si è ritrovato a Baghouz, dove ha detto che i terroristi erano indecisi tra il  rinunciare o combattere fino alla morte.

Mkhayar ha detto che sua moglie, una donna curda siriana di Kobani che aveva sposato tre anni fa, lo ha aiutato a convincerlo ad andarsene. “Ecco fatto”, abbiamo detto, “stiamo uscendo.” Ho visto la mia bambina diventare debole. Avevo paura che i miei figli sarebbero morti “.

Mkhayar ha detto che non riusciva a dormire pensando alla moglie e alle due figlie in un campo per sfollati in un’altra parte della Siria nord-orientale. Ha detto di credere ancora all’idea di un califfato per i musulmani, ma ha accusato i governanti dello Stato islamico di governare la loro terra come “una mafia”, cercando solo di fare soldi e di violare le proprie regole impunemente. I comandanti hanno rubato denaro e sono fuggiti in Turchia, in Iraq o nell’Europa occidentale ordinando alla gente di rimanere e difendere l’Islam, ha detto.

“Questa è la mia convinzione e non la cambierò, ma qui nello Stato islamico, in realtà questo non esiste … Non c’è giustizia”, ​​ha detto. “Onestamente, sono venuto qui troppo in fretta … Quando sono arrivato, ho trovato un’altra storia.”

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -