La Chiesa di Norvegia si scusa per essere stata contro l’aborto

Condividi

 

Mentre la politica pone un freno al liberalismo sociale facendo “marcia indietro” sull’aborto e la bioetica, i vescovi della Chiesa di Norvegia, la più diffusa del Regno scandinavo, si scusano per avere avuto in passato un atteggiamento antiabortista, promettendo un “passo avanti” per favorire una discussione libera e aperta sul tema.

PROTEGGERE I NON NATI NON FAVORISCE IL DIALOGO

Sembra una barzelletta ma non lo è: il 15 febbraio scorso i presuli della Chiesa luterana ed evangelica, alla quale appartiene quasi l’80 per cento della popolazione (circa 3 milioni e 750 mila fedeli), hanno rilasciato una dichiarazione bizzarra: «La Chiesa è stata a lungo impegnata contro l’aborto: una sfida etica, umana e politica. Quando la legge sull’aborto è stata discussa e adottata negli anni Settanta, la Chiesa si oppose in modo chiaro ai cambiamenti introdotti. I sacerdoti hanno criticato senza mezzi termini la legge allo scopo di proteggere la vita non nata. Oggi ci rendiamo conto che l’argomentazione della Chiesa non ha consentito un buon dialogo. È tempo di creare un nuovo clima».

«CI SCUSIAMO CON LE DONNE»

Pertanto la Chiesa ha firmato un documento in cui riconosce di aver mancato «di impegno per la liberazione e i diritti delle donne. Siamo spiacenti. Come Chiesa dobbiamo cambiare il nostro modo di parlare dell’aborto e di prenderci cura delle persone colpite». E cosa significa cambiare modo di parlare dell’interruzione di gravidanza? Affermare che «una società con accesso legale all’aborto è una società migliore di una senza un simile accesso» perché «previene l’aborto illegale e promuove la salute e la sicurezza delle donne». L’obiettivo della Chiesa, scrivono i vescovi, non è tanto mettere in discussione la legislazione (in Norvegia l’aborto, di norma, è legale fino a 12 settimane), nemmeno mettere in discussione il fatto che il feto sia una vita «che ha valore e chiede protezione», quanto «promuovere una comunione inclusiva».

Il risultato è un pasticcio in cui si mescolano mea culpa per non avere in passato aiutato le madri single («ai bambini nati fuori dal matrimonio si poteva negare il battesimo»), elogi della tecnologia che oggi permette di «intervenire e correggere lo sviluppo fetale», premesse sulla dignità umana che «è data da Dio e non dipende dalle abilità funzionali», soddisfazione per la «riduzione del numero di aborti tra gli adolescenti» probabilmente riconducibile a più fattori, esortazioni imperative a «fornire migliori prestazioni» alle famiglie con bambini disabili.

«L’ABORTO RENDE MIGLIORE LA SOCIETÀ»

Al netto del fronzolame, la Chiesa di Norvegia si scusa in sintesi per la posizione netta assunta in passato contro l’aborto; non dice di sostenerlo ma di fatto supporta l’argomento più pro-choice di tutti, cioè che rendere accessibile il controllo delle nascite faccia bene alla società perché diminuirebbe il numero di aborti totali; sottende fin dalle prime righe che opporsi alla liberalizzazione delle interruzioni di gravidanza abbia peggiorato il dialogo e frenato la corsa ai diritti delle donne. Si scusa per essere stata a favore della vita e perché la difesa della vita non ha coinciso nei modi e nei fatti con gli obiettivi mondani.  […]

Caterina Giojelli  – – TEMPI.IT

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi


ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -