Studentessa stuprata, proteste contro l’immigrazione a Koenigs

Condividi

 

Ieri centinaia di persone hanno partecipato a due manifestazioni contro la politica tedesca sui rifugiati a Koenigs Wusterhausen, vicino a Berlino. “Protestiamo qui oggi, perché non vogliamo e non ci abitueremo agli incidenti quotidiani, perché viviamo in uno spirito di comunità e ci preoccupiamo di ciò che accade ai nostri connazionali”, ha detto l’organizzatore di uno dei due raduni, Christoph Berndt dell’associazione di destra tedesca “Zukunft Heimat”, rivolgendosi alla folla.

“Non siamo disposti ad accettare altre vittime di abusi permanenti, stupri e omicidi come danni collaterali di un pericoloso esperimento sociale”, ha aggiunto, riferendosi all’attuale politica migratoria del governo tedesco.



Come al solito, alcuni manifestanti di sinistra si sono radunati nelle vicinanze, cantando “non c’è diritto alla propaganda nazista”. La polizia ha allontanato il gruppo.

Le manifestazioni di destra si sono svolte dopo il presunto stupro di martedì scorso, quando due rifugiati afghani hanno trascinato una scolara in un bagno pubblico ed hanno abusato sessualmente di lei, ma l’ufficio del pubblico ministero tedesco ha lasciato cadere l’inchiesta, affermando che le accuse non potevano essere provate, scatenando la rabbia dei cittadini.



   

 

 



Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -