Proteste e scontri in Iraq, Bassora in fiamme

Non si placano le proteste e gli scontri a Bassora, città petrolifera dell’Iraq meridionale teatro da mesi di manifestazioni contro la mancanza di servizi, la disoccupazione e la corruzione. Negli scontri nella notte con le forze di sicurezza – ha riferito il ministero iracheno della Sanità – un manifestante è morto e altri 30 sono rimasti feriti.

Le autorità, a causa dei gravi incidenti, hanno dichiarato il coprifuoco. La misura sarebbe dovuta entrare in vigore già ieri pomeriggio, ma era stata cancellata a causa della presenza di numerosi manifestanti nelle piazze e nelle strade che ne rendevano molto difficile l’applicazione.

Nel corso delle proteste a Bassora, secondo quanto riferito dall’emittente ‘Rudaw’, sono stati bruciati locali appartenenti all’Organizzazione Badr, principale gruppo all’interno delle Forze di Mobilitazione Popolare, le milizie sciite determinanti nella lotta all’Is, e al Partito Dawa del vice presidente Nouri al-Maliki. E’ stata incendiata, inoltre, la sede di Firat Tv, ritenuta vicina al politico sciita Ammar al-Hakim.

Nelle proteste dell’ultima settimana degenerate in scontri con le forze di sicurezza sono morte nella provincia di Bassora almeno otto persone. ADNKRONOS

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -