Berlinguer perché sei morto… Martina esulta per il licenziamento di una capotreno

di Francesco Storace

Berlinguer perché sei morto… In fondo, altro da parafrasare non c’è (ricordi Maramao..?) a leggere Maurizio Martina, acerbo segretario del Pd che si scomoda ad esultare via Twitter per il licenziamento di una capotreno un po’ brusca nei modi con una banda di zingari che pretendevano di vettovagliare gratis sulla Trenord.

A sinistra in quel tempo difendevano i lavoratori, ora preferiscono le bande nomadi che razziano le ferrovie.

È il segno dei tempi, è la spiegazione delle percentuali elettorali. Si aggrappano a tutto, i compagni senza voti pur di continuare a perderne ancora. E non volevamo credere ai nostri occhi quando ci siamo imbattuti nel tweet di ieri a firma Maurizio Martina: “Solidarieta’ a Raffaele Ariano, investito da insulti e minacce solo per aver fatto semplicemente il suo dovere di cittadino”. Fra qualche giorno ci toccherà dare solidarietà al povero Martina, travolto dalle contumelie sulla rete per la sua sciocchezza quasi quotidiana.

Ma benedett’uomo, non ti rendi conto di che fesseria hai sottoscritto? Non bastava l’uovo rosso scambiato per nero e razzista? Adesso te ne vai appresso ad un Savianino di provincia, al blogger dell’Unita’ che si chiama Ariano di cognome e lancia gli allarmi democratici per un annuncio ascoltato in treno per avvisare i passeggeri di presenze inquietanti?

Avremmo applaudito se Martina avesse espresso solidarietà ad un cittadino uscito dalla caserma dei carabinieri dopo aver denunciato un rom che rubava.

Avremmo applaudito un’opposizione che avesse zittito chi preferisce i borseggiatori a chi lavora.

Chissà se Martina ha letto questo commento al suo stolto tweet: “Una donna è stata licenziata per colpa di un mezzo fallito che si diverte a segnalare il ‘razzismo dilagante’ e voi eredi del PCI solidarizzate con lo scemo de L’Unita?! La sinistra che tutela i lavoratori, da 30 anni a questa parte!”.

E ancora, tanto per capire che cosa bolle nella pancia della gente che dalle parti del Pd sembrano tanto disprezzare…

“Alla capotreno esasperata dalla presenza di gentaglia che viaggia gratis sui treni disturbando quei cittadini che usano il treno per lavoro pagando l abbonamento? A lei niente solidarietà? Magari anche licenziata? Martina ma si rende conto ??? Evidentemente no!”.

Ma questo è il partito democratico, i resti di una sinistra che ha perso ogni contatto con la realtà al punto da infilarsi in ogni trappola appena vede un drappo rosso che rotea attorno al toro. Per finire sempre incornata dalla bestia.

Noi continuiamo a sognare un paese dove si possa viaggiare con tranquillità così come si possa vivere in pace almeno in casa propria; dove non si debba essere per forza politicamente corretti per stare peggio di quando si stava meglio.

Dalla parte del cittadino comune, del lavoratore e del disoccupato che, ahimè, l’occupazione non la trova; l’elemosina la diamo a chi vogliamo e non gradiamo essere taglieggiati in ferrovia. Per questo stiamo dalla parte della capotreno. Altro che licenziamento!



   

 

 

9 Commenti per “Berlinguer perché sei morto… Martina esulta per il licenziamento di una capotreno”

  1. Paolo labellarte

    Noi stiamo esultando alla diaspora di questi mezzi opuscoli,che hanno ridotto la Italia a zerbino del mondo ,Martina lei la vergogna non la conosce .

  2. Pasquale Santoro

    Il mio commento non vale essendo di destra, ma ringrazio Martina e company per il quotidiamo aiuto che danno ai populisti, da anni aspettavamo questo autoannientamento, ma questi sono la intellinghenzia della sx.

  3. Ogni volta che apre la bocca questo Martina partorito da Renzi puzza sempre di più, ormai siamo alle battute finali di un partito che di sinistra non ha niente e mi vergogno di aver votato in passato questi individui

  4. Meglio lasciare AUTOESTINGUERSI il PD…ormai la speranza di vedere BUON SENSO da questo cadavere che perde brandelli di carne ogni passo che fa è FINITA…
    Meglio che marcisca del tutto e FORSE, tra qualche tempo, una NUOVA VIA risorgerà sopra la tomba della sinistra…una NUOVA VIA che stia ad SCOLTARE IL “BASSO” e non le stronzate delle elites radical chic….una NUOVA VIA che dia voce AI LAVORATORI, QUALUNQUE colore essi siano….una NUOVA VIA che SEPPELLISCA UNA VOLTA PER TUTTE le trite, vuote, morte parole del “comunismo” e di tutti gli “…ismi” del passato PERCHE NON RIFLETTONO IL “PRESENTE” della nostra nazione e del nostro POPOLO….che NON È nero, NON È bianco, NON È immigrato e NON È nato qui ma è TUTTE QUESTE COSE MESSE INSIEME CHE FANNO IL NUOVO POPOLO ITALIANO !

  5. Io non capisco questo PD come ragiona invece di essere dalla parte di chi lavora e fa rispettare le leggi è dalla parte dei delinquenti.Mi vergogno di averlo votato,per fortuna ultimamente non l’ho fatto perché si sono dimenticati degli Italiani e di noi pensionati.

  6. Martina hai capito perché il PD è in regressione? Ma tanto a te, come la stragrande maggioranza del PD non vi frega nulla del popolo Italiano voi continuate a percepire lo stipendio di onorevoli Vi dovreste VERGOGNARE.

  7. Io, cittadina italiana, sempre ligia al dovere, d’ora in avanti salgo su un treno senza pagare il biglietto, disturbo gli altri passeggeri, faccio un po’ di questua, così, per togliermi qualche sfizio, avrò finalmente qualcuno che mi difende dalla legge. Nientemeno che il segretario Pd. Bene. Ne terrò conto.

  8. Articolo perfetto, chiaro comprensibile, da condividere e riscriverlo tutte le settimane … in prima pagina… così per non dimenticare

  9. Gragnano Luciano

    Sono completamente d’accordo con l’articolo. Suggerirei a Martina di provare a viaggiare in treno e soprattutto di provare a LAVORARE.

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -