“Il futuro è nei figli, non nell’immigrazione”

“Il Fondo Monetario Internazionale attesta l’inscindibile connessione tra la crisi economica e la crisi demografica.
Se le nascite non compensano, almeno, il tasso di sostituzione, il Pil è destinato a crollare. L’attenzione alla famiglia non è quindi un vezzo ideologico ma una necessità economica. Ed è inaccettabile la posizione di chi utilizza il calo demografico come alibi per fare propaganda filoimmigrazionista. Non è infatti importando povertà e sconvolgendo l’identità di un popolo che sarà garantito un futuro al nostro Paese. Il futuro è nei figli, non nell’immigrazione”.

Così il vicepresidente della Camera e vicesegretario federale della Lega Lorenzo Fontana, autore del libro “La culla vuota della civiltà. All’origine della crisi”.


Ufficio Stampa On. Lorenzo Fontana
Vicepresidente della Camera

Condividi