Stop permesso di soggiorno a chi vende merce contraffatta

Condividi

 

GENOVA, 14 MAR – Legittimo negare il rinnovo del permesso di soggiorno a chi viene condannato per violazione del diritto d’autore, ricettazione, contraffazione e commercio di marchi falsi. In questi casi, non è necessaria ulteriore motivazione sulla pericolosità sociale dello straniero che chiede di restare in Italia. Lo afferma il Consiglio di Stato bocciando il ricorso di un senegalese residente a Genova al quale la Questura del capoluogo ligure aveva negato la possibilità di rinnovare il permesso di soggiorno. Al senegalese non è bastato dimostrare di essere in Italia dal 1993 grazie a un permesso per lavoro autonomo rinnovato più volte sino allo stop della Questura nel 2016.

Nel corso dell’istruttoria è emerso che il ricorrente era stato condannato più volte per violazione delle norme sul diritto d’autore, per ricettazione e commercio di prodotti contraffatti. Il Consiglio di Stato ha confermato la validità degli atti della Questura di Genova e della sentenza di primo grado del Tar sfavorevoli al rinnovo del permesso. (ANSA)

Condividi l'articolo

 



   

1 Commento per “Stop permesso di soggiorno a chi vende merce contraffatta”

  1. Finalmente, ma, quegli che spacciano si lasciano qua?

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -