Processo rating Trani: intrecci tra banche, manager e dirigenti Mef

TRANI – Il processo per il declassamento di due notch del rating sovrano dell’Italia del 2012 a carico di S&P ha evidenziato “i profili di incompetenza degli analisti e di quelli del debito sovrano in particolare: gli stessi profili di criticità evidenziati da Pierdicchi (all’epoca dei fatti AD di S&P Italia, ndr) al presidente mondiale di S&P, Deven Sharma” in un’intercettazione telefonica. Sharma “è dunque consapevole della inadeguatezza degli analisti del debito sovrano”. Lo scrive il Tribunale di Trani assolvendo gli imputati

Il processo per manipolazione del mercato nei confronti di analisti e manager di S&P sul declassamento di due gradini dell’Italia (da A a BBB+) del 2012, conclusosi il 30 marzo scorso con l’assoluzione di tutti gli imputati, “ha fatto emergere” gli “intrecci tra azionisti, manager, analisti, dirigenti del Tesoro, banche di affari e agenzie di rating“, ma non ha “consentito di delinearne in maniera definitiva i confini proprio per la ‘reticenza’ manifestata da alcuni testi”. Lo scrive il Tribunale di Trani. Secondo i giudici, i testimoni avrebbero dovuto avere, invece, “il dovere – si legge nelle 315 pagine della sentenza – di fornire una più ampia e sincera collaborazione, frenata o da interessi personali o da interessi di natura politica in un chiaro tentativo di frammentare le singole condotte, ostacolando l’accertamento dell’elemento soggettivo del reato e, ancor prima, ostacolando la riconduzione a un disegno unitario di tutte le condotte, anche di quelle antecedenti all’azione del rating del 13 gennaio 2012, in un’ottica di sicuro pregiudizio per l’Italia, descritto dalla dirigente del debito pubblico Maria Cannata”.

In un contesto di velata, ma sostanziale, reticenza – annota il Tribunale – dettata da interessi di natura personale commisti a compiacenza nei confronti di S&P – di cui hanno tratto vantaggi per la loro carriera – si collocano le testimonianze della general manager Maria Pierdicchi (all’epoca dei fatti AD per l’Italia dell’agenzia di rating, ndr) e dell’analista bancario Renato Panichi”. ANSA



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -