Migranti ubriachi attaccano operatore del Centro di Accoglienza

Ventimiglia – Insultato e minacciato da un gruppo di almeno dieci africani ubriachi che rientrati nel Centro di Accoglienza Straordinario (Cas) – aperto nella sede della Croce Rossa, di via Dante, a Ventimiglia – evidentemente non hanno gradito l’invito a fare meno chiasso, per non svegliare gli altri ospiti.

Lui è un operatore del pubblico soccorso che stava prestando servizio notturno; loro sono tutti in prevalenza nigeriani e sudanesi, che la scorsa notte hanno creato disordini all’interno del centro, svegliando addirittura gli abitanti del quartiere. All’origine della sommossa l’essere stati rimproverati, perché continuavano a parlare a voce alta. Sono volate parole grosse e visto che la situazione stava pian piano degenerando, col rischio che esplodesse qualche tafferuglio, i militi hanno chiamato il 112 e sul posto sono intervenute pattuglie della polizia e dei carabinieri.

Gli stranieri, che hanno continuato a gridare e a insultare, invitando anche le forze dell’ordine a farsi i fatti propri, sono stati identificati, ma perchè nei loro confronti possa essere preso qualche provvedimento, è prima necessario che l’operatore aggredito o la Croce Rossa presentino querela.

IL GIORNALE



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -