Pd, 800mila euro per il Festival Lgbt ed ecosessuale presentato della Kyenge

La propaganda Lgbt ha un costo sempre più elevato. Ben 851.167.69 euro di soldi pubblici sono stati destinati per il Sant’Arcangelo Festival così ripartiti:149.700 euro messi dal Comune, 330.000 stanziati dalla Regione Emilia Romagna e, infine, 133.543 dallo Stato italiano.

Tutti guidati dal Pd.

A denunciarlo, con un video pubblicato su Facebook, è il consigliere d’opposizione Matteo Montevecchi che accusa apertamente il sindaco del Pd, Alice Parma, di voler voler diffondere la propaganda Lgbt.

Pseudo-cultura finanziata con soldi pubblici

Ecco come le amministrazioni di sinistra finanziano la pseudo-cultura con i soldi pubblici. Non si può fare propaganda ideologica con i soldi dei cittadini. Mettiamo fine a questo totalitarismo culturale.

Geplaatst door Matteo Montevecchi op zaterdag 8 juli 2017

Parma è lo stesso primo cittadino che nel 2015 aveva finanziato lo spettacolo all’aperto di un uomo completamente nudo che aveva concluso la sua esibizione facendo pipì all’aperto davanti a tutti.

Festival dell’orina in piazza, la sinistra ha speso 750mila euro di soldi pubblici

“Quest’anno, al Sant’Arcangelo Festival, – attacca Montevecchi – è arrivato Merman Blix chiamato per fare un po’ di propaganda Lgbt e appollaiarsi sulle fontane del paese e soprattutto, come recita la descrizione dello spettacolo, per aiutarci a liberare la sirena che è in noi e dimostrarci che ognuno puo’ essere ciò che sente di essere”.

Gli altri protagonisti di questo festival sono gli ecosessuali, quelli che fanno sesso con la natura, la cui esibizione viene descritta come“un’esperienza erotica verde in simbiosi con fiori, piante, terra, creature viventi da stimolare, annusare e sedurre”.

“Club Ecosex – si legge ancora nella locandina – è una scoperta, un momento di abbandono, di superamento delle inibizioni, di espansione dei confini della sessualità, di curiosità e gioco tra uomo e ambiente”. Il laboratorio permanente viene, invece, tenuto da Macao, il centro sociale di estrema sinistra milanese, noto per aver ripetutamente occupato dei palazzi e, per aver organizzato l’8 marzo scorso un flash mob in cui alcune donne hanno mostrato la vagina in pubblico. Presente al Festival anche la compagnia Motus che “due anni fa si era già esibita in una spudorata propaganda gender”.

Infine ci sarà Cecile Kyenge che inaugurerà il museo della non umanità, “un monumento alla volontà di de-umanizzare la storia”, cioè che “i confini tra umano e non umano, tra l’essere umano e l’animale sono solo immaginari. Non ci sono creature che hanno maggiore o minore importanza e non bisogna etichettare più gli altri esseri viventi in base al pregiudizio e alla categoria limitante di umano”.

www.ilgiornale.it



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -