Migranti, Corte Ue: Paesi d’arrivo non obbligati ad asilo

BRUXELLES – Circostanze “assolutamente eccezionali” come quelle verificatesi sulla cosiddetta ‘rotta balcanica’ possono giustificare il fatto che la Stato competente per l’esame della domanda di asilo sia quello dove essa è stata presentata e non quello in cui il richiedente ha fatto per la prima volta ingresso nel territorio dell’Ue. Questa la conclusione a cui è giunto l’avvocato generale della Corte di giustizia dell’Unione che ha quindi proposto di respingere i ricorsi presentati da Slovenia e Austria.

Per Lubiana e Vienna le richieste dei migranti presentate alle rispettive autorità avrebbero dovuto essere esaminate dalla Croazia, cioè dal Paese in cui si è verificato il loro primo ingresso nell’Ue. Ma questa tesi è stata respinta dall’avvocato sostenendo tra l’altro che, “se gli Stati membri di confine, quali la Croazia, fossero ritenuti competenti per accogliere e gestire numeri eccezionalmente elevati di richiedenti asilo, vi sarebbe il rischio concreto che non siano in grado di far fronte alla situazione”.

ANSA Europa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -