Così le ambasciate europee aiutano i jihadisti a tornare a casa

Centinaia di foreign fighters intasano i centralini delle rappresentanze diplomatiche europee in Turchia chiedendo aiuto per tornare in patria.

«Pronto, chiamo dalla Siria, sospetto che consultando le vostre liste riconoscerete il mio nome – esordiscono -. Ho combattuto per lo Stato Islamico ma ora sono pentito, davvero, e mi vengono le lacrime agli occhi ogni volta che penso alla mia vera casa».

Sono conversazioni telefoniche – scrive Lerner su La Stampa –  che suonano quasi inconcepibili, quelle raccontate da chi le ha vissute in prima persona, e invece avvengono con cadenza settimanale, a volte perfino ogni giorno.

«In questo momento sto gestendo ben 15 casi di francesi che vogliono svignarsela dalla Siria», racconta un funzionario dell’Ambasciata di Francia ad Ankara. «Alcuni si inventano storie improbabili su come sono finiti lì, altri dicono di avere svolto solo attività umanitarie. Ma dopo aver lavorato su 160 casi ne sono convinto: non c’è rimorso sincero, soltanto stanchezza e paura».

Rientrare in sicurezza non è uno scherzo. Non solo perché lo Stato Islamico ha dichiarato guerra alle diserzioni, condannate alla stregua di atti d’apostasia.

[…]

Secondo un recente rapporto europeo sarebbero circa 1.500 su cinquemila i foreign fighters europei che hanno fatto ritorno, cioè il 30 per cento. Di regola, chi decide di rientrare attraverso canali ufficiali finisce nelle gattabuie turche e poi, dopo l’espulsione, in quelle del paese di appartenenza. «La paura di finire in carcere nel momento del rientro a casa scoraggia molti foreign fighters che farebbero altrimenti ritorno», avverte Veronique Roi, la madre di un convertito francese che è morto combattendo in Siria. «È assurdo che si condannino i pentiti più che i loro reclutatori, come se i foreign fighters fossero al cento per cento responsabili di ciò che hanno fatto».



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -