Grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo

E’ in condizioni gravi il bambino di tre mesi rapito venerdì sera dal padre a Monterotondo, alle porte di Roma, dopo un violento litigio con la ex compagna. Il piccolo è ricoverato in terapia intensiva nel reparto di Neonatologia dell’ospedale Agostino Gemelli, intubato: i medici hanno riscontrato un ematoma subdurale destro e una frattura dell’osso occipitale destro con emorragia.

Venerdì sera, intorno alle 22, in un appartamento in viale Mazzini a Monterotondo, dopo un forte diverbio con l’ex compagna (una 20enne lituana), il 21enne Gianluca Caucci ha colpito la donna e ha preso il bimbo, di cui è il padre naturale, scappando e facendo perdere le proprie tracce. La ragazza ha chiamato i carabinieri, che si sono messi subito sulle tracce dell’uomo, organizzando una massiccia batutta di ricerca con elicotteri, reparti cinofili e cani molecolari. Il 21enne è stato infine trovato sabato mattina nel centro commerciale Porta di Roma, mentre spingeva un passeggino con dentro il bambino.

Inizialmente le condizioni di salute del piccolo sembravano buone, ma quando è stato portato all’ospedale Sant’Andrea per gli accertamenti i medici hanno scoperto le gravi ferite e il bimbo è stato trasportato d’urgenza al Gemelli.I carabinieri stanno svolgendo gli accertamenti per chiarire cosa sia accaduto. L’uomo è in stato di fermo, nel carcere di Rebibbia con l’accusa di sottrazione di minore e lesioni personali aggravate. (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -