Le civiltà non muoiono per omicidio ma per suicidio

islam-invasione2

Vedo che molti, troppi di voi non ragionano con la testa, ma con la pancia. Sapete cosa significa averli qui? Spero che spostiate l’occhio dal dito e lo puntiate sulla luna. Il dito sono quei 35/40 € di cui tutti si riempiono la bocca. E’ una carta moschicida, uno specchio per le allodole, perchè ogni immigrato ci costa almeno 100€ al dì, ma con i conti fatti a ca@@o di cane. Se invece li facessimo fare a un bravo economista e un buon revisore dei conti, considerando anche i costi di ‘salvataggio’ e traghettamento da parte degli scafisti di Stato, aggiungendo i costi del welfare, della giustizia, della sicurezza, delle carceri (che per oltre il 40% sono abitate da loro con tanto di minimoschea) vi accorgereste che sono briciole rispetto al mio progetto di DEMIGRAZIONE.

I costi a cui purtroppo nessuno di voi, o quasi, pensa – e che sono incommensurabili – sono le ricadute culturali sulla società che bene o male siamo riusciti a costruire, con i nostri valori e perchè no, anche disvalori, ma con una storia, una civiltà millenaria, una identità, una religione, quella cattolica che, prima di essere inquinata dalla maSSoneria, dai gesuiti e satanisti e mal gestita da questo falso Papa, era un faro, il faro del Cristianesimo, che a sua volta è stato il faro del mondo occidentale; insomma una cultura che nel bene e nel male non ha eguali nel resto del mondo e che per ora viene solo inquinata, tra pochi anni verrà meticciata, e tra molto meno di quello che immaginate, sarà islamizzata. E’ questo, cari miei, il pericolo che corriamo.

Il costo piu’ elevato non è certo quello del denato speso, carta straccia che viene stampata in tipografia. Le persone, i popoli non si creano nelle tipografia e quindi guardate la storia, leggete come l’islam si è imposto, come ha invaso e islamizzato tanti paesi in cui si è introdotto, quasi sempre con la violenza, ovviamente sotto la Shari’a.

Quindi, primo: bisogna non farli arrivare. Secondo respingere, rimpatriare tutti coloro che non hanno nessuna intenzione di sposare i nostri costumi e le nostre tradizioni, tutti coloro che non rispettano le nostre leggi  (rifiutando di abbandonare la Shari’a) e tutti quelli che, pensate il paradosso, compiono reati non solo perchè fa parte del loro Dna, ma per restare qui in attesa di giudizio ed evitare decreti di espulsione ecc.

Per favore, basta parlare di immigrazione e di poverini che scappano dalle guerre. Il 95% dei “migranti” che gli scafisti regolari vanno a prelevare sulle coste libiche per traghettarli in Italia sono islamici. Bisogna chiamare le persone, ma anche le cose, con il loro nome. Occorre quindi parlare di invasione e di islamizzazione perchè solo il 5% dei presunti profughi ottiene poi lo Status di profugo o di rifiugiato. Bisogna reagire all’importazione di questi soldati islamici, jìhadisti, tagliagole ispirati da un’ ideologia barbarica, che i nostri buonisti, affaristi, cooperatori, false organizzazioni umanitarie, businessman dell’immmigrazionismo, filoimmigrazionisti, esterofili, filoislamici e convertiti, chiamano religione, addirittura di pace, amore e tolleranza.

Armando Manocchia – – @mail



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -