Comincia la battaglia della UE contro la Marine Le Pen

marine-lepen

Dopo François Fillon, Marine Le Pen. Il Parlamento europeo pretende dalla presidente del Front national e deputato a Strasburgo la somma di 339,946 euro. Secondo l’istituzione, la candidato del Front national alle prossime elezioni presidenziali dovrebbe pagare all’Europa stipendi dei due dipendenti sospettati di far parte del FN: la sua assistente Catherine Griset e la sua guardia del corpo personale.

Marine Le Pen, che ha presentato una denuncia contro l’Ufficio per la lotta antifrode (Olaf) è determinata a non pagare la somma richiesta. Il suo stipendio potrebbe quindi essere dimezzato di prepotenza dal Parlamento europeo.

Marine è già in difficoltà perché Le banche rifiutano di finanziare la campagna di Marine Le Pen

A raccontarlo la stessa leader del movimento antieuropeo e anti-immigrazione parlando alla tv France 2, indicando nel secco rifiuto degli istituti di credito d’Oltralpe di finanziare la sua campagna presidenziale un problema reale per la democrazia.

“Il fatto che le banche non si prestino a noi giocando un ruolo politico pone un problema reale per la democrazia. Sono le banche che decidono chi può correre alle elezioni e chi non può”.

“Per il momento non è stato accordato nessun prestito (…) ho inviato richieste a 45 banche in tutto il mondo, anche in Russia”, ha detto La Le Pen.

Ora arriva la batosta del Parlamento Ue che vuole sottrarle oltre 300mila euro, con motivazioni assurde, per peggiorare la situazione



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -