Le banche rifiutano di finanziare la campagna di Marine Le Pen

marine

PARIGI (WSI) – Venti milioni di euro: è questa la cifra di cui necessita la leader del Front National, Marine le Pen per finanziare la sua campagna elettorale in vista delle prossime presidenziali francesi. Così Le Pen ha bussato alle banche, che le hanno sbattuto la porta in faccia.

A raccontarlo la stessa leader del movimento antieuropeo e anti-immigrazione parlando alla tv France 2, indicando nel secco rifiuto degli istituti di credito d’Oltralpe di finanziare la sua campagna presidenziale un problema reale per la democrazia.

“Il fatto che le banche non si prestino a noi giocando un ruolo politico pone un problema reale per la democrazia. Sono le banche che decidono chi può correre alle elezioni e chi non può”.

In Francia ai candidati vengono forniti fondi pubblici a patto che ottengano almeno il 5 per cento dei voti. In genere è prassi che si prendano in prestito dei soldi per campagna con l’idea di usare poi gli aiuti pubblici per rimborsare il prestito dopo il voto. I sondaggi oggi danno il partito di Marine Le Pen vittorioso con almeno il 20% dei voti.

Nonostante ciò le banche francesi si sono rifiutate di incontrare la leader del Front National spingendola così a cercare altrove investitori, stando a quanto riporta un articolo di Bloomberg. […]

“Per il momento non è stato accordato nessun prestito (…) ho inviato richieste a 45 banche in tutto il mondo, anche in Russia”.

Queste le parole di Marine Le Pen che non ha mai nascosto la sua simpatia per Putin.

wallstreetitalia.com



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -