Minniti: lavori socialmente utili per richiedenti asilo, con ipotesi retribuzione

Migranti, si cambia: “Chi chiede asilo dovrà lavorare, servizi socialmente utili in cambio dello status di rifugiato”. Sembra rivoluzionario (ma non lo è)  il piano che il ministro dell’Interno Marco Minniti intende presentare al Parlamento mercoledì, come anticipano alcuni quotidiani. E nella “svolta” del Viminale, oltre all’integrazione attraverso il lavoro e stage in azienda, sono previste le parole-chiave espulsioni e accelerazione nei rimpatri.

La novità: lavoro per ottenere lo status – Il nuovo piano sull’immigrazione sarà presentato dal ministro Minniti mercoledì alla Commissione Affari costituzionali, nell’ambito di un progetto che coinvolge Regioni e Comuni. La maggiore novità è quella che prevede la possibilità che i richiedenti asilo vengano impiegati in lavori socialmente utili, non su base volontaria, ma un obbligo perché la pratica vada a buon fine. Convenzioni anche con aziende per gli stage.

Il permesso provvisorio – A due mesi dall’arrivo, l’immigrato riceverà un permesso provvisorio, in attesa che la sua identità sia verificata. Così il richiedente asilo finirà in uno Sprar e il sindaco del comune ospitante offrirà opportunità di lavori socialmente utili. L’intento del ministro è far andare questo sistema a regime, in modo che, modificando l’attuale normativa, il lavoro diventi un requisito obbligatorio. C’è da superare, però, l’ipotesi retribuzione, che al momento rappresenta uno scoglio.

I precedenti

In provincia di Padova un sindaco si è illuso di mettere al lavoro i “profughi” per pulire i parchi pubblici, ma il giorno prefissato per il primo appuntamento… non si è presentato nessuno (alla faccia dell’integrazione…). Si trattava di un lavoro semplice e poco faticoso, ma i migranti, che vivono sulle colline in una enorme villa con parco e piscina, hanno preferito eclissarsi senza dare spiegazioni



   

 

 

1 Commento per “Minniti: lavori socialmente utili per richiedenti asilo, con ipotesi retribuzione”

  1. CHI LAVPRA E’ UN GRULLO. LO FAREBBE SENTIRE COME UN SOMARO.!!!
    PER QUESTO CI HANNO TOLTO A NOI IL LAVORO. CI AIUTANO A NON ESSERE SOMARI – QUANTA INCOMPRENSIONE E’ FRA NOI. VERSO CHI CI VUOLE TANTO BENE.!

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -