Roma: turista svedese violentata in hotel, telecamere incastrano il portiere egiziano

 

Roma – Capodanno, turista svedese denuncia violenza in un hotel. Le telecamere incastrano portiere d’albergo

Notte di fine anno intensa per gli uomini del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale. Per i 400 caschi bianchi romani, impegnati insieme alle altre forze a presidiare i varchi garantendo la sicurezza degli eventi, non solo “filtri”, controlli della viabilità cittadina e sequestri di merce venduta illegalmente su strada.

Alle 04.30 del mattino una coppia di turisti svedesi ha avvicinato una pattuglia, chiedendo aiuto per una loro connazionale di 30 anni d’età, che a dire della stessa, sarebbe stata violentata nella sua camera d’albergo.

Immediato l’intervento degli uomini del Gruppo Sicurezza Sociale Urbana, che hanno condotto le indagini in una struttura ricettiva di via del Corso. Dalle telecamere interne dell’albergo gli uomini del gruppo G.S.S.U. e del gruppo Sicurezza Pubblica Emergenziale di Roma Capitale, sono riusciti ad incastrare un cittadino di origine egiziana di 59 anni, ripreso nei filmati nell’atto di uscire seminudo dalla stanza della trentenne svedese, con ancora i genitali fuori dai pantaloni.

L’uomo, che lavorava nella struttura alberghiera come portiere, è stato immediatamente denunciato per violenza sessuale e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

romatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -