Stupro di gruppo nel Cara di Mineo, 4 nigeriani fermati

 

srupro-cara-mineo

L’accusa è delle più infamanti, lo stupro. Addirittura di gruppo. Fermati quattro ospiti del Cara di Mineo. Tutti e quattro cittadini nigeriani. La vittima è una loro connazionale. Ecco i nomi: Solomon Obuh (clsse 1995) OKOWA Michael Okowa (1991), JOHNSON Fedricic Johnson (1993) e Godswift Chukuma (1991).

La vivenda è raccontata da catania.livesicilia.it  Nella giornata di ieri sono stati posti in stato di fermo dai poliziotti del Commissariato di Caltagirone perché gravemente indiziati non solo dei reati di violenza sessuale di gruppo, ma anche per furto, lesioni e danneggiamento in danno di una connazionale. Una triste vicenda che ha avuto come teatro proprio il CARA, un luogo d’accoglienza, diventato un vero e proprio inferno per la vittima che – nonostante le minacce e la violenza subita dai quattro aguzzini – ha avuto la forza di denunciarli agli uomini del Posto di Polizia del Centro d’accoglienza.

Tutto è successo la notte tra il 14 e il 15 dicembre, quando la donna si è risvegliata nell’alloggio di un connazionale, dal quale era stata invitata la sera precedente, dolorante e priva d’indumenti: addosso a lei un gruppo di uomini che la picchiavano violentemente, in testa solo il ricordo di una bevanda offertale qualche tempo prima che le aveva fatto perdere i sensi. I forti dolori al ventre, la paura, anzi, il terrore per ciò che le era successo e le minacce di morte dei quattro uomini – “se vai dalla polizia ti ammazziamo” – hanno indotto la donna a trovare rifugio nell’alloggio della sorella, insieme alla quale ha cercato conforto presso il rappresentante della comunità Nigeriana, per informarlo e per avere protezione. Ma ciò non ha fermato i quattro che la notte del 16 dicembre hanno fatto irruzione nell’alloggio dove la donna si era nascosta, inveendo contro di lei e nuovamente picchiandola al collo al viso e al busto, questa volta con un bastone di legno; anche in questa occasione rispolverando la minaccia di morte qualora fosse successo qualcosa ai quattro.

Con eccezionale forza, nonostante fosse ancora dolorante per le tutte percosse subite, la donna nigeriana è riuscita a fuggire per rivolgersi al posto di Polizia del Centro e dove ha sporto denuncia. Gli aguzzini sono stati rintracciati e bloccati, grazie a un’indagine della polizia di stato che si è svolta in tempi record e che ha visto una serie di controlli e perquisizioni effettuate in numerose abitazioni del centro. È stato così scongiurato il rischio, realmente verificato dagli investigatori, che i quattro malviventi potessero fuggire per trovare riparo da altri connazionali, facendo perdere le loro tracce. La seguente attività investigativa ha portato al fermo dei “soggetti” che adesso si trovano reclusi presso la Casa Circondariale di Caltagirone a disposizione dell’autorità giudiziaria.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -