Dall’Italia 3 tonnellate di farmaci e supporti sanitari per la Libia

 

ROMA – E’ arrivato all’aeroporto di Meetiga, vicino Tripoli un C-130 dell’Aeronautica Militare italiana che trasporta una nuova spedizione di farmaci e di supporti sanitari destinati all’ospedale della capitale.

Lo riferisce una nota pubblicata sul sito della Farnesina, esteri.it, specificando che grazie a questa spedizione – consistente in quasi 3 tonnellate di medicine e supporti medici – sarà possibile garantire le cure di base a circa 10.000 persone per 3 mesi e cure specifiche a 100 feriti di guerra.

Cresce la povertà sanitaria: un italiano su 3 non può comprare farmaci

L’iniziativa – realizzata in collaborazione con la Base umanitaria delle Nazioni Unite di Brindisi – risponde ad una richiesta di assistenza urgente delle Autorità del Governo di (dis)Accordo Nazionale libico imposto dall’ONU  e rientra nell’ambito di un ampio pacchetto di aiuti umanitari deciso dall’Italia a sostegno delle categorie più vulnerabili della popolazione civile libica, del valore complessivo – dall’inizio dell’anno – di oltre 2,5 milioni di euro.

Si tratta della quinta spedizione di farmaci realizzata dalla Cooperazione Italiana negli ultimi mesi. Nella nota si sottolinea che anche questa iniziativa, come le precedenti, rappresenta un concreto gesto di solidarietà e di attenzione nei confronti del popolo libico nell’attuale delicata fase del processo di stabilizzazione del Paese. (con fonte ansamed)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -