Lech Walesa, Nobel per la pace: “I migranti potrebbero decapitarci”

 

WALESA

L’ex presidente e leader del movimento polacco Solidarnosc, Lech Walesa mette in guardia l’Europa contro il rischio che i migranti possano compiere decapitazioni nel vecchio continente.

“La Polonia e l’Europa devono preoccuparsi per l’afflusso di migranti. Essi provengono da paesi in cui le persone vengono decapitate. Accadrà la stessa cosa qui“, ha detto ai giornalisti israeliani l’ex leader polacco.

“E ‘un problema reale. Se l’Europa non chiude i suoi confini, arriveranno milioni di migranti e non esiteranno ad imporre i loro costumi, tra cui decapitazioni”, ha aggiunto il premio Nobel per la pace del 1983.

“I polacchi hanno piccole pensioni, salari bassi e appartamenti inferiori alla media. Guardo i profughi in televisione e ho notato che sembrano stare meglio di noi. Sono ben nutriti, ben vestiti e forse anche più ricchi di noi “, ha lamentato.

La Polonia ha accettato di ospitare 2.000 rifugiati, mentre la Commissione europea vorrebbe che arrivasse a 9.287. Si pone una serie di condizioni, tra cui il rafforzamento dei controlli alle frontiere dell’UE, il diritto di ogni paese quello di scegliere chi vuole accogliere e di rifiutare l’ingresso ai migranti economici.

David Stern



   

 

 

1 Commento per “Lech Walesa, Nobel per la pace: “I migranti potrebbero decapitarci””

  1. Ha ragione da vendere la Polonia di Lech Walesa, non ci sono dubbi vorrei che qualche Politico mi smentisse non a chiacchiere ma con i fatti! io ho un nutrito elenco di reati commessi da questa gente che il 90% sono CLANDESTINI!!!!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -