Sardegna: Ryanair lascia Alghero. Licenziati 22 addetti alla manutenzione

 

Ryanair comunica l’addio definitivo ad Alghero. La notizia è di poco fa e arriva direttamente da Dublino. Le donne e gli uomini dell’equipaggio di Ryanair assegnati alla base ad Alghero, in totale 20 dipendenti, dal 21 ottobre saranno operativi in altre basi. La base di Alghero, secondo le comunicazioni giunte stamane da Dublino a piloti e personale di bordo, da Dublino dal 1 novembre è definitivamente chiusa! Con la comunicazione di queste ultime ore tutto il personale è stato già destinato e assegnato ad altri aeroporti.

Si tratta di una decisione gravissima perchè Ryanair ha anche comunicato che lo scalo di Alghero non è riprogrammato nemmeno per la stagione successiva, quella summer (estiva). Si tratta di un epilogo di una gravità inaudita per tutta la Sardegna e per il nord dell’isola.

I governi italiano e regionale si sono resi responsabili di un disastro senza precedenti cancellando la base di Ryanair che ha rappresentato per 15 anni il principale strumento di sviluppo della Sardegna. Un disastro annunciato, ma confermato dalla sciatteria di un ministro e di un governo regionale che hanno preso in giro tutti sino ad arrivare alla chiusura definitiva. Una regione di incapaci ha portato al fallimento di uno dei progetti che avrebbe continuato a cambiare la storia economica dell’Isola.

La comunicazione è stata appresa con rabbia dai lavoratori di Ryanair che speravano in un margine almeno per la stagione summer 2017. Ipotesi che viene data per compromessa nelle comunicazioni ricevute dalla compagnia aerea. La perversa e illegale privatizzazione dell’aeroporto ha impedito che l’operazione Ryanair potesse concludersi con una nuova possibilità di rilancio. A questo si aggiunge la stoltezza del governo regionale con quella sottospecie di assessore che ha devastato i trasporti in Sardegna a partire appunto dai voli low cost. Si tratta di una decisione drammatica che mette in ginocchio la Sardegna tutta. Un epilogo che chiude un’epoca che avviai nel 1999. Dopo 16 anni una giunta regionale di incapaci e un assessore devastante per la Sardegna chiudono un progetto di sviluppo sul quale la mia presidenza e tutta la Sardegna avevamo scommesso”.

Lo ha detto poco fa il deputato di Unidos Mauro Pili che ha avuto la notizia da fonti dirette della compagnia sulla decisione e sulle comunicazioni agli stessi lavoratori. Pili che ha presentato un’interrogazione urgente al Ministro dei Trasporti accusa duramente la regione per aver volutamente fatto chiudere la base di Alghero per perseguire altri obiettivi.

“Con questa decisione finale di Ryanair – ha detto Pili – si conclude l’opera demolitoria dei voli low cost ideata dai vertici di Alitalia e portata avanti dai servi della giunta regionale sarda. Una responsabilità tutta politica che segna il tracollo di un’economia e dell’intera isola che aveva investito sui voli low cost. Abbiamo a che fare con cialtroni della peggior specie che hanno giocato sulla testa dei sardi impunemente”.

“Il contributo co – marketing che avviai nel 1999 e poi misi a sistema nel 2002 era – aggiunge Pili – l’unica strada legittimata dall’Europa, non averla perseguita aveva solo un obiettivo far andare via Ryanair per favori gli affari di Alitalia a scapito della Sardegna e dei Sardi. Deiana e i suoi accoliti sono responsabili di questo disastro e con loro tutti coloro che hanno avallato e coperto questa situazione”.

“A questa situazione si aggiunge il tracollo occupazionale dell’aeroporto di Alghero con la decisione di licenziare ben 22 lavoratori delle imprese di manutenzioni per lasciar spazio ad un società toscana che avrebbe vinto la gara d’appalto con un ribasso del 30%. Si tratta della conferma di una gestione tutta tesa alla smobilitazione e che ribadisce l’assoluta negligenza nella difesa dei posti di lavoro dei dipendenti dell’ambito aeroportuale. Nelle prossime ore – ha concluso Pili – valuteremo le azioni da mettere in campo per contrastare questo disastro”.



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -